Vai Indietro   PcTuner Forum > Sezione Hardware > Progetti Elettronici
Arcade Registrazione Blogs Regolamento Feedback FAQ Lista Utenti Calendario Segna come Letti

Ultimi 5 blog pubblicati su PcTuner Blog
Data Titolo

Rispondi
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 22-03-2011, 23.05.06   #1
Registered User
 

Iscritto da: 14-11-2008
Messaggi: 6
Feedback: (0)
Gruppo di continuità come inverter 12->220v ... Possibile?

Salve ragazzi, avrei una domanda da farvi

Posseggo un vecchio gruppo di continuità per pc, sprovvisto di batteria, e mi era venuto in mente di "trasformarlo" in un inverter per auto dai 12v ai 220v.
Questo per collegare in macchina un mio vecchio notebook con un attacco particolare, non più reperibile.

Allora, partendo dal presupposto che:

1) Quando il gruppo è collegato alla rete elettrica, l'uscita 220 è attiva e la batteria interna và in ricarica.

2) Quando la corrente elettrica viene a mancare, l'alimentazione viene dalla batteria e il gruppo trasforma i 12v in 220v.


Ho avuto la "geniale" idea di collegare, al posto della batteria interna del gruppo, degli spinotti che vanno alla presa dell'accendisigari della macchina. In questo modo l'alimentazione IN TEORIA dovrebbe essere presa dalla batteria della macchina e trasformata normalmente in 220v, funzionando come un inverter comune.
Ma non è così

A quanto pare, il gruppo di continuità switcha all'alimentazione dalla batteria SOLO se il gruppo è collegato alla 220v e successivamente la tensione viene a mancare, sinceramente non capisco il perchè. In pratica se non è collegato alla rete elettrica non funziona solamente tramite la "batteria".

All'interno, smontandolo, ho notato che ci sono 5 deviatori, e ho ipotizzato che dovrei "individuare" quale di questi viene eccitato al collegamento alla 220 e trovare un modo per bypassarlo. Però è tutta una teoria, e non essendo un esperto non sono sicuro di quello che dico

Secondo voi, come dovrei procedere per ovviare a questo problema?? Per renderlo utilizzabile anche solo a batteria senza la necessità della 220 come "avvio" ???

I cavi dell'accendisigari interni all'auto reggeranno? o rischiano di "fondersi" e rovinarmi la macchina??

(potete darmi qualche spiegazione anche più nel dettaglio, non sono un esperto ma qualcosa ci capisco, e poi ho un tecnico esperto che mi aiuta )

Grazie in anticipo!!

PS
Non mi chiedete perchè voglio usare questa soluzione quando compri un aggeggino del genere che fa lo stesso e costa 10 euro, ma sinceramente questa per me è diventata anche una curiosità, voglio sapere se è possibile farlo
evilmetal Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 22-03-2011, 23.35.05   #2
Citromaniaco
 
L'avatar di  Darlington
 

Iscritto da: 17-08-2003
Locazione: Ovunque, ma non qui
Messaggi: 25,069
Feedback: (1)
Ti rispondo domani più dettagliatamente, comunque devi studiarti la circuiteria in modo da eliminare il dispositivo di intervento.
__________________
Darlington Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-03-2011, 02.37.19   #3
Citromaniaco
 
L'avatar di  Darlington
 

Iscritto da: 17-08-2003
Locazione: Ovunque, ma non qui
Messaggi: 25,069
Feedback: (1)
Ma si, qualcosa lo scrivo anche adesso.

Allora, un UPS è chiaro che fondamentalmente è un inverter.

Quel che lo differenzia è che parte automaticamente alla mancanza di corrente, e fin là direi che...

C'è una circuiteria che rileva la presenza o meno della rete ed in base a questo, avvia o meno l'inverter; questa va eliminata in modo che l'inverter parta sempre. Questo può essere facile o impossibile, a seconda del progetto dell'inverter.

C'è sempre una protezione che stacca il tutto quando la batteria si scarica, e questa direi di tenerla. Poi può esserci un'altra protezione contro la sovratensione della batteria, e questo può provocare problemi quando si usa il tutto con la macchina in moto.

Possono anche insorgere dei problemi dovuti al fatto che, con macchina in moto, la tensione che esce dall'alternatore è molto "sporca", elettricamente parlando. Dipende dal progetto.

Il discorso dei fili che fondono: di per sé la presa accendisigari originariamente non è nata per portare decine di ampere in corrente, quindi meglio andarci piano. Oltre che i fili, può fondersi anche la presa stessa. Dipende dal carico che andiamo a collegarci, certo se pensi di alimentare un forno a microonde meglio che lasci perdere... a titolo di esempio, nella mia auto i fili dell'accendisigari sono di sezione 1,5 mmq, quindi 15-16A massimi. Ma penso che la presa non regga fino a 16A, dovessi scommettere direi che cede prima.

C'è un fusibile di protezione su questa linea ma spesso è comune anche ad altri utilizzatori, quindi sarà da 20 o 30A, troppi per garantire un intervento rapido ed idoneo a salvare qualcosa.


Insomma si, teoricamente è possibile, praticamente dipende dalle tue competenze e dalle tue capacità di retroengineering dal momento che dubito si troverà uno schema nel web
__________________
Darlington Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-03-2011, 10.08.04   #4
Kill the fight !
 
L'avatar di  Beppe82
 

Iscritto da: 07-09-2001
Messaggi: 10,251
Feedback: (0)
in genere le prese accendisigari delle auto nuove stanno sui 150 W
Beppe82 Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-03-2011, 11.57.47   #5
Registered User
 

Iscritto da: 14-11-2008
Messaggi: 6
Feedback: (0)
Innanzitutto grazie per le risposte

Allora, andando ad analizzare l'UPS in questione assieme ad un tecnico siamo giunti alla conclusione che modificarlo facendo in modo che funzioni direttamente da inverter è alquanto complesso, sarebbe da studiare e irrealizabile in tempi brevi...

Adesso, ho trovato un altro UPS che funziona nel modo da me desiderato, ha un pulsante che lo avvia direttamente in modalità inverter.

Adesso la domanda è:

Se io scollego la batteria e lo collego all'accendisigari, l'assorbimento del UPS sarà pari alla sua potenza massima di uscita oppure proporzionata ai dispositivi collegati?

Dovrei collegarci l'alimentatore di un notebook (12V , 3,5A , 70w max)

La presa e i cavi dell'accendisigari reggeranno?
evilmetal Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-03-2011, 12.42.10   #6
Citromaniaco
 
L'avatar di  Darlington
 

Iscritto da: 17-08-2003
Locazione: Ovunque, ma non qui
Messaggi: 25,069
Feedback: (1)
Scusa eh, ma se ti serve per un notebook, stai prima a prendere un alimentatore apposito; è inutile e ridicolo portare i 12V in 220 per poi riportarli a 12, ti pare?
__________________
Darlington Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 23-03-2011, 20.24.37   #7
Registered User
 

Iscritto da: 03-10-2004
Locazione: Forl' (FC)
Messaggi: 608
Feedback: (0)
E' anche non bellissimo usare 2 circuiti switching in cascata, quello dell'inverter, e poi quello del carichino.
__________________
In questo forum ho fatto affari con: cianuro, ODIO, zavattarimini, aerox, grazg, makjo, wigo, gionag.
Fabri00 Non in Linea   Rispondi Citando
Vecchio 25-03-2011, 09.11.34   #8
RoHS Compliant
 

Iscritto da: 01-11-2007
Messaggi: 630
Feedback: (0)
imho l'UPS per utilizzo home ha un dissipatore troppo piccolo.
Elektor88 Non in Linea   Rispondi Citando
Rispondi Per le vostre immagini su questo forum potete usare PcTunerUp!
Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter.


Utenti attualmente attivi che stanno leggendo questa discussione: 1 (0 utenti e 1 visitatori)
 
Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
non Puoi inserire messaggi
non Puoi rispondere ai messaggi
non Puoi inviare allegati
non Puoi modificare i tuoi messaggi

codice vB è Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Attivo
Il codice HTML è Disattivato
Trackbacks are Disattivato
Pingbacks are Disattivato
Refbacks are Disattivato
Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +2. Attualmente sono le 18.22.39.


Powered by vBulletin Versione 3.6.12
Copyright ©2000 - 2014, Jelsoft Enterprises Ltd.
Search Engine Friendly URLs by vBSEO 3.2.0
Copyright © 2010 - Master New Media S.r.l. a socio unico - P.I. 02947530784. Tutti i diritti di proprietà letteraria e artistica sono riservati- Privacy
www.pctuner.net è testata telematica registrata presso il Tribunale di Torino, n. 39 del 07.05.2008, Editore Master New Media S.r.l.