IFA 2012: il PC diventa ibrido

Gadget e Hi-Tech     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

A farla da padrona, nell’edizione 2012 dell’IFA di Berlino, è sicuramente il PC ibrido. Moltissimi OEM sono giunti a Berlino con un proprio modello, segno che Windows 8 convince i produttori, i quali vogliono assolutamente essere della partita, soprattutto dopo la clamorosa provocazione di Microsoft con il suo Surface.

 

Samsung ATIV SmartPC Pro

Lo SmartPC Pro di Samsung, soluzione ibrida della casa sud coreana per rispondere
alla provocazione lanciata da Microsoft con il lancio del suo tablet Surface.

 

A questo proposito, alcune considerazioni di David Meyer risultano molto interessanti e condivisibili. Secondo il reporter informatico, infatti, sono state presentate diverse soluzioni che attuano la possibilità, per un portatile, di diventare tablet e viceversa. Tutto questo non può che fare bene al mercato, ovvero noi utenti. Quali design saranno premiati e quanti rimarranno dipende infatti dalle reazioni degli utenti e dal tempo. Una cosa si può certamente affermare: per il mondo del Pc è in atto una trasformazione.

 

HP Envy X2

Anche HP crede fortemente nel nuovo segmento di PC, tanto che all’IFA ha presentato
il suo Envy X2, una soluzione molto simile a quella proposta da Samsung.

 

Tutto nasce in realtà da due idee essenziali: la tastiera dock dell’iPad, un po’ scomoda da portarsi appresso, e dalla gamma Transformer dei tablet Android di Asus. Tuttavia, le differenze con questo nuovo gruppo di ibridi è enorme. In primo luogo, la possibilità di eseguire Windows 8 Pro. In secondo luogo, si tratta di dispositivi che possono interessare contemporaneamente la fascia di utenti tablet e quella degli utenti laptop, ovvero si tratta di una soluzione che ha notevoli possibilità di erodere mercato sia ai tablet sia ai notebook ultraleggeri.

 

Lenovo Yoga 13

Lenovo, con il suo Yoga 13, ha presentato anch’essa una soluzione simile alle due precedenti,
ma puntando  su uno di schermo da 13 pollici, decisamente grande per l’uso come tablet.

 

Dal punto di vista dei tablet, infatti, è improbabile che la gente continui a comprare device da 10-12 pollici se questa non è capace di fare ciò che di norma è possibile su di un notebook. È molto probabile, quindi, che gli attuali tablet comincino a convergere su formati più piccoli, come gli attuali Nexus 7 di Google o il Kindle Fire di Amazon.

Anche se molti dei nuovi ibridi sembrano molto simili, vi è una forte sperimentazione in corso. La struttura interna di nuovi PC/tablet si è più o meno stabilizzata, così come anche le porte e le scelte di connettività. Qualsiasi ibrido viene fornito con USB 3.0, HDMI, Bluetooth 4.0, Wi-Fi 802.11n ecc.. Alcuni sono dotati di processori Intel Core i5 Ivy Bridge, altri con processori Intel Trail Clover e, naturalmente, altri con processori ARM. In questo senso, la scelta sarà in funzione delle prestazioni o della durata delle batterie.

 

Sony Vaio Duo 11

La soluzione presentata da Sony, con il suo Vaio Duo 11, è di quelle a schermo scorrevole,
grazie al meccanismo della cerniera apparentemente robusto.

 

Essendo il target più probabile di questi dispositivi formato dagli utenti laptop, è naturale ipotizzare che gli ibridi possa fare presa proprio in questo settore. I principali produttori stanno infatti prendendo questa strada. Lo testimoniano l’ATIV Smart PC Pro di Samsung e l’HP Envy x2, entrambi capaci di lasciar scegliere all’utente se essere usati come tablet o come portatile.

 

Toshiba Satellite U920T

La soluzione scorrevole di Toshiba, implementata sul suo Satellite U920T, sembra un po’
più fragile, a livello costruttivo, rispetto a quella presentata da Sony, soprattuto in chiave temporale.

 

In questa categoria rientra anche lo Yoga 13 di Lenovo, anche se l’azienda cinese ha optato per una soluzione che vede lo schermo ripiegarsi completamente per consentire l’uso in stile tablet. Il vantaggio di questo approccio è che consente al retro dello schermo di agire come protezione quando il dispositivo viene trasportato, come avviene per i computer portatili.

 

Dell XPS Duo 12

Molto originale, quanto fragile, la soluzione proposta da Dell con l’XPS Duo 12,
il cui schermo ruota all’interno di una lunetta.

 

Un’altra soluzione è quella della tastiera a scorrimento, che troviamo sia nel Sony Vaio Duo 11 che nel Satellite U920T di Toshiba. In questo caso, diventano importanti due fattori chiave: dimensioni e meccanismo a cerniera. Il Duo 11 ha un schermo da 11.6 pollici, mentre L’U920T uno da 12,5 pollici. Non sembra ci sia molto divario tra queste misure, ma c’è una notevole differenza in modalità tablet. Sony ha implementato un meccanismo a cerniera apparentemente più robusto, che permette inoltre di far scorrere completamente lo schermo. Ciò determina l’impossibilità, per il Duo 11, di prevedere uno spazio per un trackpad. In confronto, il meccanismo dell’U920T sembra più fragile, soprattutto con l’usura.

 

Asus Taichi

La soluzione proposta da Asus per il suo Taichi, con due schermi back-to-Back,
lascia un po’ perplessi in quanto a utilità pratica.

 

Le soluzioni presentate da Sony e Toshiba non sono però le uniche. Possiamo prendere in considerazione alcune stranezze, come quella proposta da Dell con il suo XPS Duo 12, dotato di uno schermo che ruota all’interno di una lunetta. C’è poi la soluzione presentata da Asus con il suo Taichi, dotato di due schermi back-to-back, anche se la cosa risulta decisamente poco pratica.

Come prima accennato, solo il tempo deciderà se questi dispositivi riscuoteranno il successo atteso e quale delle soluzioni si rivelerà quella preferita dagli utenti.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati