Calcio: mai più goal fantasma grazie alla tecnologia

Gadget e Hi-Tech, Monitor e Tecnologie Video     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

Casi come quelli del contestatissimo goal di Muntari, che ha scatenato accese polemiche nell’ultima parte della stagione del campionato di calcio, non si verificheranno più. A prometterlo è la FIFA, che ha deciso di iniziare la sperimentazione della tecnologia «Hawk-Eye», già utilizzata nel gioco del tennis, nel campionato inglese dei dilettanti.

Parallelamente, in Danimarca, sarà completata la sperimentazione della tecnologia concorrente, denominata «GoalRef» che sembra essere in leggero vantaggio. A luglio, l’International Football Association Board potrebbe annunciare ufficialmente la svolta epocale.

 

Hawk-Eye

Allo stadio st Mary di Southampton è stata sperimentata la tecnologia «occhio di falco»,
durante la finale del campionato inglese dei dilettanti, disputata ieri alle 20.30.

 

Il sistema, letteralmente «occhio di falco», è stato testato durante la finale del campionato inglese dei dilettanti, ieri alle 20.30, nella quale si sono scontrate le squadre del Totton e del Eastleigh. Il sistema «GoalRef» sarà invece testato durante l’incontro Silkeborg-Sonderjyske, in calendario il 20 maggio, e durante l’incontro Nordsjaelland-Horsens, in calendario il 23 maggio.

La tecnologia GoalRef, sviluppata dall’Istituto Fraunhofer, consente all’arbitro di rilevare con sicurezza il verificarsi dei goal, grazie ad un chip integrato nel pallone che permette a una serie di sensori collocati sui montanti delle porte di rilevare l’intero superamento delle linee bianche, come previsto dal regolamento.

 

GoalRef
Il sistema GoalRef prevede l’impiego di un chip da collocare nel pallone.
Alcuni sensori disposti sui montanti delle porte rilevano se il pallone
oltrepassa completamente la riga bianca, come da regolamento.

 

Anche il presidente FIFA, Joseph Blatter, sembra aver espresso parere positivo. I pochi dubbi rimanenti sono infatti legati alla scelta della tecnologia. Sebbene GoalRef sia in leggero vantaggio, il sistema concorrente Hawk-Eye, è attualmente utilizzato nel tennis e nel cricket.

Capita spesso, infatti, che tennisti ai vertici della classifica mondiale richiedano al giudice di ricorrere all’intervento dell’«occhio di falco» se hanno forti dubbi su una palla chiamata fuori o viceversa. Il sistema Hawk-Eye, che si appoggia a sei telecamere fisse, riproduce sugli schermi posizione e traiettoria della pallina in relazione al campo, fornendo così una certificazione sull’assegnazione del punto.

 

Goal fantasma

Fatti come l’episodio clamoroso del goal di Muntari, nella partita
Milan-Juventsus, non dovrebbero più verificarsi in futuro.

 

In ambo i casi, l’arbitro è dotato di un orologio (o dispositivo simile) capace di segnalare gli eventuali goal con un segnale sonoro. È bene chiarire che nessun filmato verrà mai visualizzato su schermo. Per questo, si continuerà a ricorrere alle solite moviole tipiche delle discussione dopo-partita.

Per le partite interessate, la Fifa ha dichiarato che si tratta di una fase sperimentale: se durante i restanti match si dovesse porre la questione di determinare se il pallone abbia oltrepassato o meno la linea di porta, l’arbitro potrà scegliere se ricorrere alla tecnologia in relazione alla sua decisione.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati