Tablet Windows 8: per AT&T, Microsoft può avere un ruolo importante

CPU, Gadget e Hi-Tech, Mobile, Web e Business     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

Glenn Lurie, presidente dei settore relativi ai dispositivi emergenti, alle rivendite e alle partnership di AT&T, ama praticamente tutti: Apple, Samsung, Google, Microsoft ecc. Per lui sono tutti “formidabili”. Come dargli torto, visto la natura del business della sua azienda.

Parlando ad una conferenza organizzata da Morgan Stanley, Lurie si è guadagnato qualche titolo di copertina dichiarando che sono pochi gli utenti transfughi dopo che Apple ha siglato accordi con Verizon e Sprint per la vendita degli iPhone. Lurie ha aggiunto: «I nostri clienti si sono dimostrati molto fedeli, il tasso di abbandono è stato del tutto trascurabile.»

Anche se Lurie ha parlato del lancio dell’ iPhone 4S, ha speso molte parole su Microsoft e sui suoi piani per il settore mobile. In pratica, egli ritiene che la casa di Redmond possa ancora svolgere un ruolo importante nel mercato statunitense degli smartphone. AT&T, da questo punto di vista, è un passaggio obbligatorio, dato che negli USA potrebbe raggiungere la quota  dell’80% delle vendite di smartphone. Secondo Lurie, un terzo ecosistema può infatti spingere i tassi di penetrazione del mercato.

 

Glenn Lurie

Glenn Lurie (al centro) di AT&T ritiene che Microsoft possa svolgere un ruolo importante,
nel settore tablet, grazie all’arrivo di Windows 8, sistema con cui i tablet potranno sostituirsi ai notebook.

 

Vale la pena notare che i carrier telefonici sperano molto in una terza piattaforma smartphone, dato che non vogliono dipendere troppo né da Apple né dal mondo Android. In poche parole, i carrier fanno il tifo perché RIM o Microsoft riescano a creare le premesse per una diversificazione. A questo proposito, Lurie è decisamente ottimista sulle possibilità di Microsoft: «iOS ha fatto bene, e anche Android. In realtà, però, sono un fan dei dispositivi Windows. Sono anche molto impaziente di vedere Windows 8, in futuro, su dispositivi tablet.»

«Credo che Steve Ballmer e il team di sviluppo di Windows abbiano molte carte da giocare con l’arrivo di Windows 8 – aggiunge Lurie – Microsoft ha come principale caratteristica l’ambiente desktop. Con Windows 8 possono però rimettersi in gioco in grande stile. »

 

Interfaccia windows 8

L’uscita di Windows 8 è destinata a cambiare gli equilibri all’interno del settore mobile.

 

Per quanto riguarda i tablet con Windows 8 a bordo, Lurie aggiunge: «Attualmente, dal punto di vista dei carrier telefonici, i tablet sono visti come dispositivi accessori. Se il responsabile di una grande azienda, ad esempio, decidesse di comprare tablet per i propri dipendenti, nel contesto economico di oggi, se questi hanno a disposizione un laptop e uno smartphone, perché mai si dovrebbero acquistare tablet?»

«Sono convinto che la vera svolta ci sarà quando i tablet potranno sostituire i portatili e penso che stiamo già assistendo a qualcosa di simile. – aggiunge Lurie – Credo davvero che Windows 8 sia una grande opportunità di cambiamento, tanto da consentire ai responsabili delle grandi aziende di comprare tablet

Un po’ diverso il discorso Research In Motion, anche se Lurie non nasconde di sperare nella riuscita dell’azienda canadese: «RIM sta attraversando un momento difficile. Se si guarda a quello che hanno, come la tecnologia QNX – dice Lurie – non vedo questa azienda ancora fuori gioco. RIM detiene tuttora una quota importante del mercato statunitense, in particolare sulla rete AT&T.»

RIM

Nonostante il momento di particolare difficoltà, Research In Motion detiene ancora una fetta
importante di utenti, nel mercato statunitense, in particolare sulla rete AT&T.

 

In conclusione, il succo del discorso di Lurie, e non potrebbe essere diversamente nella sua posizione,  è che desidera una maggiore concorrenza: «Ci piace la concorrenza. Il nostro obiettivo è di consegnare il meglio ai nostri clienti, assicurandoci che abbiano quello di cui hanno bisogno per le loro esigenze. Credo però, tra i vari OS, che gli equilibri stanno per cambiare.»

In effetti, le parole del presidente AT&T non fanno che avvalorare la tesi di Microsoft secondo cui i tablet sono dei Pc. Windows 8 può veramente cambiare gli equilibri, nel settore tablet. Certamente, occorre pensare che i tablet Windows influiranno poco sulle vendite dei tablet Android ed iOS. Sui primi per ovvi motivi di costo, almeno nelle fasi iniziali. Chi compra un tablet Android non necessita di un portatile. Android non ha troppe richieste, in termini di prestazioni, per cui si può avere già una buona esperienza con tablet di fascia bassa.

Apple, invece, deve temere più i tablet Android che quelli Windows. Il caso del Kindle Fire ne è un esempio lampante. A livello di caratteristiche, su Android, con l’arrivo dei nuovi processori quad-core di NVIDIA e di Qualcomm (nel 2012), vedremo arrivare tablet con prestazioni allineate con quelle dell’iPad, se non anche migliori in alcuni settori.

 

Tablet Windows 8

Il primo tablet con Windows 8, prodotto da Samsung, è dotato di un processore quad-core
Sandy Bridge di Intel. Sono già in programma una serie di tablet basati su processori
con architettura ARM, soprattutto con l’uscita dei nuovi quad-core Tegra 3 di NVIDIA
e con l’annuncio dei quad-core S4 Snapdragon di Qualcomm, in arrivo nel 2012.

 

Per quanto riguarda i tablet Windows 8, infine, nonostante gli enormi sforzi fatti da Microsoft per snellire il sistema, l’esperienza d’uso del nuovo sistema è fortemente legata alle caratteristiche hardware dei tablet. Non a caso, il primo tablet con Windows 8, prodotto da Samsung appositamente per una dimostrazione, durante le Builder Keynote in cui Microsoft ha presentato il nuovo sistema operativo, montava un processore quad-core Sandy Bridge di Intel.

È molto più probabile pensare che le vendite di tablet Windows 8 abbiano ripercussioni sull’intero settore dei portatili. In questo senso, il primo vero bersaglio è certamente Intel. Il piano Ultrabook stenta a decollare. Le vendite sono piuttosto risicate. Se l’azienda di Santa Clara non sarà in grado di sfornare presto CPU capci di fornire prestazioni ed autonomia convincenti per il settore dei tablet, ovvero di competere con le varie NVIDIA, Qualcomm ecc., per Intel si annunciano tempi difficili.

 

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati