Steve Jobs: adesso gli attribuiranno anche l’invenzione del PC!?

Gadget e Hi-Tech, Web e Business     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

La morte di Steve Jobs, per alcuni versi, ha avuto sulla società un impatto simile a quello delle grandi guide: Padre Pio, Mahatma Gandhi, Madre Teresa di Calcutta, Giovanni Paolo II ecc. Segno questo che, evidentemente, lo meritasse in qualche modo. Adesso che il clamore è passato, e che siamo tornati alla normalità, forse possiamo dire anche la nostra, dato che nei giorni scorsi ci siamo astenuti dal coro.

Ciò che ha veramente stupito, almeno da quanto visto e ascoltato in questi giorni, è stata la sua capacità di trasformare il mondo high-tech in una vera e propria religione. E come in ogni religione che si rispetti, non mancano certamente i fanatici. Strano come questa parola condivida la stessa radice del termine “fan“.

 

Xerox Star

Lo Xerox Star, uscito nel 1977, oltre a presentare un’interfaccia in chiaro stile
“scrivania virtuale”, ossia “Desktop“, dispone già di un puntatore I/O tipo “mouse”,
anticipando di parecchi anni la soluzione Apple. Non è un’invenzione di Jobs!

 

È incredibile scoprire quanti di questi fanatici lavorino nel mondo del giornalismo e, per incompetenza acclarata o per il gusto di cavalcare l’onda, hanno attribuito a Steve Jobs le invenzioni più improbabili. Vogliamo subito sottolineare come a questi novelli asini della storia dell’informatica vada indiscutibilmente concessa un’attenuante non trascurabile: Wikipedia era oscurata, per cui non hanno potuto accedere allo scibile umano.

Partiamo: «Ha inventato il mouse!». Ah sì! Quando? Persino Wikipedia dissente da questa affermazione. Ciò che si può affermare è che Steve Jobs avesse le idee ben chiare, un po’ come un suo collega, un tale Bill Gates, tanto diverso da Jobs quanto molto simile per taluni aspetti.

 

Apple Lisa

L’Apple Lisa, progettato nel 1978 e commercializzato solo nel 1983,
è il primo della mela ad adottare il mouse come sistema di puntamento.

 

Quel gran genio di Steve, assistendo a una dimostrazione del Xerox Star, sistema informatico della Xerox Corporation che ha anticipato tutti gli attuali sistemi per Pc, rimase folgorato ed intuì che si trattava concettualmente di un’idea che aveva le potenzialità per cambiare radicalmente il mondo dell’informatica, in particolare con la “scrivania virtuale”, ciò che oggi conosciamo come Desktop e che sta lentamente lasciando il passo a nuovi paradigmi per lo sviluppo di interfacce, come la Metro UI proposta da Microsoft in Windows Phone e nel nuovo Windows 8.

 

Apple Macintosh

L’Apple Macintosh, uscito nel 1984, ha l’unico merito
di aver affinato la soluzione concepita dalla Xerox.

 

Jobs fu uno dei primi a comprendere le potenzialità offerte da un sistema di puntamento come il Mouse. La sua bravura è consistita nell’affinarne le qualità e l’usabilità, abbinandolo ad un PC, il Macintosh, formidabile mezzo ma che molto aveva preso da quanto inventato dalla Xerox, anche in termini di sistema operativo.

Dire che Steve Jobs abbia inventato il mouse, oltre a misconoscere la realtà, cosa che va molto di moda in questi tempi, è come pensare che Bill Gates abbia inventato MS-DOS, invece sappiamo bene come sono andate le cose…

 

 

IBM Simon

Tra le tante innovazioni create da IBM, vi è anche
il primo smartphone, Simon, uscito nel 1992 e già dotato
di interfaccia touchscreen… No, neanche questo è invenzione di Jobs!

 

Possiamo però spostare l’asticella più in avanti: «Ha inventato Internet, le e-mail e i nostri modi di comunicare». Non voglio nemmeno provare a smentire ognuna di queste stupidaggini. Il contributo di Steve Jobs, ma di Apple in generale, alla realizzazione di tutto quanto gira in Rete è pari almeno a quello apportato da  Montezemolo e Della valle al mondo dei treni: un valore che sconfina nell’estetica. Quando vedremo sfrecciare i treni di NTV tra Roma e Milano, e tutti saranno fieri e contenti di aver speso 200-300 euro in più per una corsa, forse qualcuno millanterà che è stato Luca Cordero ad inventare l’alta velocità.

Se vogliamo spostarci ancora più in avanti, dovremo dar credito alle illazioni che vogliono Steve Jobs «inventore dello smartphone». Altra grande castroneria. Lo smartphone, come concetto, esiste già dal 1992. Alcuni modelli prevedevano già l’interfaccia touchscreen, anche se con l’uso di un apposito pennino. Ciò che Jobs ha portato al successo, invece, è stato un nuovo modo di concepire un tale device, corredandolo di un OS e di un software particolarmente user-friendly (amichevoli). Il “tocco in più” lo ha permesso l’introduzione del multi-touch, che ha consentito in un solo colpo di sbarazzarsi del pennino e di rendere efficace il controllo di un’interfaccia avanzata, come può essere quella di un browser, col solo uso delle dita. Fine.

 

Kubrick

Ebbene sì, il tablet l’ha inventato Kubrick, in 2001 Odissea nello spazio, a meno che non
gli sia stato fatto pervenire dalla luna Giove… No, nemmeno il tablet è invenzione di Jobs.

 

Vogliamo parlare di tablet? Se non prendiamo in considerazione il discorso estetico e lo spessore, possiamo tranquillamente affermare che i tablet esistevano già in ambienti industriali. A livello di “concept”, si può tranquillamente farlo risalire a 2001 Odissea nello spazio di Kubrick, tanto che Samsung ha usato questa tesi in tribunale per difendersi dalle accuse di plagio da parte di Apple.

Non è raro infatti che le aziende realizzino “concept” che provengono dal cinema o dalla Tv. Era già successo in passato con Motorola, che con il suo Star Tac aveva replicato il dispositivo di comunicazione della famosa serie degli anni ’60  Star Trek.

Crediamo si possa universalmente riconoscere a Jobs tanti meriti. Di più possono farlo quelli di Apple, ai quali Steve ha riempito le casse. Da parte nostra, pensiamo che limitarci alla verità, senza trascendere nella fantasia, sia una maniera più decorosa di rendere omaggio alla grandezza del personaggio, convinti che le nostre parole nulla possono aggiungere né togliere ai suoi meriti indiscutibili e indiscussi.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

14 Commenti

  1. antonio

    TRANQUILLO !!! IL PCI LO HA INVENTATO CARLO MARX CON LENIN !

  2. giovanni

    Douglas Engelbart invento’ il mouse e lo brevetto’ nel 1967, la xerox acquisi dopo qualche anno i diritti comprando il brevetto

  3. Giove

    si scrive star trek…

  4. Correggi Questo articolo ...Ignorante

    Lo Xerox Star è del 1981 !!!

    Diretto successore dello Xerox Alto, lo Xerox Star è stato il primo computer venduto sul mercato ad essere dotato di interfaccia grafica a icone guidata da mouse e dotato di hard disk di serie.

    Mentre Il “primo” personal computer è l’Apple II 1976

    Nel 1977 nasce l’Apple II, il primo computer per il quale fu usata l’espressione personal computer ed il primo modello di successo di tale categoria prodotto su scala industriale.

    Steve Jobs e Steve Wozniak nel 1976 avevano già costruito nel loro garage l’Apple I, un computer che però poteva essere appetibile solo ad un pubblico di appassionati di elettronica. Jobs desiderava rendere l’informatica accessibile a tutti quindi, rielaborando il progetto dell’Apple I, misero tutta l’elettronica in una scatola di plastica beige comprensiva di tastiera, dando così forma al personal computer che utilizziamo ancora oggi.

  5. Correggi Questo articolo ...Ignorante

    Forse volevi dire che lo Xerox Star è stato il primo Computer con GUI Desktop e Mouse ad essere messo in vendita.

    Ma comunque L’Apple II il primo computer per il quale fu usata l’espressione personal computer PC !!! (quindi già il titolo del tuo articolo è sbagliato).
    Presentato il 16 aprile 1977 alla Fiera del computer della West Coast di San Francisco negli Stati Uniti e messo in commercio il 6 giugno 1977.

  6. johnny

    A parte che il titolo è pretestuoso, c’è da dire che c’è confusione sul termine “Personal Computer”, ormai assimilato a “PC IBM”. Ad ogni modo, l’Apple I è stato progettato da Steve Wozniak. La parte di Jobs nella vicenda è limitata semplicemente a quello che ha sempre fatto: avere buone idee ed enormi capacità di vendere. Forse Jpbs è autore dell’idea di PC, certamente non della sua realizzazione, per cui il titolo non è completamente sbagliato. E poi l’articolo parla d’altro, ma forse eri troppo impegnato sul titolo e ti sei perso il resto…

  7. Aldo

    “E come in ogni religione che si rispetti, non mancano certamente i fanatici. Strano come questa parola condivida la stessa radice del termine “fan“.”

    Forse perchè fan è l’abbreviazione di fanatic, fanatico? Non è strano quindi.

  8. Andrea

    Anche se ufficialmente l’espressione “Personal Computer” è stata conianata per l’Apple II, come concept, questo tipo di Pc puà essere attribuito a Steve Wozniak per il suo Apple I, realizzato prima di conoscere Jobs. Come viene giustamente detto in questo post, Jobs aveva le idee chiare ed infatti convinse Wozniak e contribuì a rendere commercializzabile la sua soluzione con l’Apple II.
    Credo che prima di dare dell’ignorante, bisognerebbe essere più sicuri di quanto si scrive… E comunque, il PC l’ha inventato Wozniak e non Jobs…

  9. Nome

    C’è chi afferma che questo sia stato il primo personal computer
    http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_101

    Credo sia difficile e anche sbagliato attribuire meriti precisi ad una sola prsona, è più giusto dire che si tratta di una evoluzione cui contribuiscono e partecipano in diversa misura tutti, aziende e privati.

  10. www

    Completamente d’accordo con l’autore del post.
    Possiamo anche tornare indietro nel tempo e arrivare a capire chi ha concepito delle idee sul concetto che sta dietro a quello di calcolatore, magari (Leibniz). Comunque sia Jobs ha battuto molto sull’impatto estetico/semplicistico per l’utente medio (e principalmente adobe dipendente).
    E questa è l’epoca dell’estetica, a quanto pare, ecco perché viene esaltato in questo modo (per quanto effettivamente gli si debba attribuire la paternità dei progetti citati, ma non di tutti, appunto).

  11. Stefano

    é una moda.
    La vedi nei film dove hanno tutti i prodotti con la “mela”.
    Lo vedi sui treni dove c’e’ gente che magari di informatica non sa neanche cosa é un ping ma ha l’iphone, l’ipad2 e il book air (senza rj45…)

    C’e’ da dire pero’ che android é ancora un sistema che ha i suoi problemi, lag e bugs. Bisognerà aspettare ancora un po secondo me.

  12. daniel

    Scusate ma il primo vero pc non è stato il programma 101 olivetti del 64?

  13. http://www.texasconflictcoach.com/

    Why viewers still make use of to read news papers when in this technological globe the wholke hing iis accessible
    on web?

  14. Teodor

    No Daniel, il primo personal computer della storia era il 610 della IBM progettato nel 1947, era simile ai computer con il Tower. Molto prima della olivetti.

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati