In arrivo le nuove CPU Bulldozer di AMD, tra ritardi e cambi di rotta…

CPU, Tuner's Corner     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

Dopo 8 rinvii ufficiali, a partire dal mese di Agosto 2008, quando AMD annunciò l’architettura Bulldozer a 45nm, fino a giungere all’ultimo rinvio, annunciato in una conferenza stampa tenuta in occasione del Computex a Giugno 2011, la nuova famiglia di CPU di AMD, creata per competere con i processori Intel Sandy Bridge e denominata serie FX, si appresta ormai a raggiungere il mercato nella versione server (Interlagos) ed in quella desktop (Zambesi).

AMD ha annunciato, con un comunicato, che è in corso la spedizione ai clienti OEM dei primi processori basati sulla nuova architettura x86 “Bulldozer”, codice Interlagos, con 16 core, destinati cioè al mercato server. Molte delle prime spedizioni saranno impiegate per la realizzazione di grandi installazioni di supercomputer attualmente in corso.

C’è anche traccia di un evento, per il prossimo 13 Settembre, presso il St. Regis Hotel, Yerba Buena Terrace, di San Francisco, dove potrebbe svolgersi la presentazione ufficiale dei modelli destinati al mercato server. Le CPU desktop, invece, potrebbero essere lanciate ad inizio Ottobre, nonostante le motherboard con chipset serie 900 siano disponibili già da molto tempo. Nel caso in cui le CPU FX series vengano annunciate entro la fine di Settembre, bisognerà attendere alcune settimane prima che AMD riesca a soddisfare in pieno le richieste di mercato.

Tra le tante cause degli innumerevoli ritardi, c’è certamente lo sviluppo di un’architettura che ha portato AMD a considerare un “core” come un’entità non più indipendente, incompleta se non affiancata ad un altro core. L’unità di base delle CPU Bulldozer è infatti un modulo che prevede due core fisici affiancati e fusi insieme, un po’ come avviene per i gemelli siamesi. Una CPU Bulldozer a 8-core può comunque gestire fino a 8 thread indipendenti, cosa che però avviene anche per in processori Sandy Bridge quad-core con tecnologia Hyper Threading.

L’approccio di AMD è diverso da quello implementato da Intel, che parte da un’architettura classica cui sono state aggiunte risorse, con la possibilità di “sovraccaricare” ciascun core, fornendogli la capacità di gestire, nel caso migliore, 2 thread indipendenti. AMD è partita invece da due core fisici, togliendo poi alcune parti in comune, con l’intento di risparmiare transistor ed aumentare l’efficienza. Il single core lascia il posto ad un “modulo Bulldozer” capace di gestire 2 thread, ma non con la stessa potenza di due core fisici completi e indipendenti.

 

Calendario rilascio CPU
Nel caso in cui le CPU FX series vengano annunciate entro la fine di Settembre,
bisognerà attendere alcune settimane prima che AMD riesca a soddisfare in pieno
le richieste provenienti dal mercato.

 

AMD si è colloca quindi in mezzo fra l’ approccio SMT della tecnologia Intel Hyper Threading, che sfrutta le parti della CPU sottoutilizzate ma che deve fare i conti con i maggiori thread che competono alla stessa risorsa, e l’approccio CMP, in cui ciascun core è dedicato ad un solo thread, giustificando gli sprechi di risorse con l’assenza di problemi di concorrenza.

Un singolo modulo Bulldozer comprende due “unità integer” indipendenti, ciascuna dotata di proprio scheduler, due unità di esecuzione, due unità di generazione degli indirizzi ed una FPU condivisa. Quest’ultima è ora in grado di gestire due thread a 128-bit. In tal modo, l’unità “dual-core” è efficiente quasi quanto due core indipendenti, ma allo stesso tempo meno complessa e con minori richieste energetiche.

 

Differenti approcci alla gestione del Multi-Threading
Differenti approcci per la gestione del multi-threading: AMD si colloca  in mezzo,
tra la gestione SMT adottata da Intel e la gestione CMT, senza compromessi
ma con non pochi sprechi di risorse.

 

Le CPU Intel Sandy Bridge prevedono invece un singolo scheduler per entrambe le unità, pur disponendo di due unità vettoriali in grado di eseguire moltiplicazioni e addizione a 256bit. Le operazioni sono però indipendenti, data la mancanza di una unità FMAC (o meglio FMA). Intel integrerà tali unità solo nella futura architettura Haswell, prevista per il 2013.

Le CPU AMD Bulldozer dovrebbero offrire, in teoria, prestazioni molto elevate. Il problema, però, sono le prestazioni in modalità single-thread. Da alcune indiscrezioni, infatti, sembra che le CPU Bulldozer si comportino molto bene con applicazioni multi-threaded, rispetto alle CPU rivali, ma che lo stesso non accade con software single-threaded.

 

Solzioni AMD e INTEL a confronto
Differenze di approccio alla gestione di Core e Thread tra le soluzioni
AMD Interlagos e quelle Sandy Bridge di Intel.

 

Ciò avrebbe portato AMD rivedere i propri piani sulle CPU Komodo da 8/10 core e sulla piattaforma Corona, tanto che una nuova roadmap indicherebbe l’arrivo delle CPU Vishera, a luglio del 2012, con massimo di 8 core e la piattaforma Volan. I processori Vishera saranno però basati sulla prossima generazione di Bulldozer, denominata Piledriver, ed integreranno un controller di memoria dual-channel DDR3, pur conservando la compatibilità con il socket AM3+. Insomma, un vero e proprio cambio di rotta, dato che in precedenza si pensava di adottare il socket FM2, aggiornamento dell’attuale FM1 impiegato nelle soluzioni Llano con grafica integrata.

 

 

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. HAF 912 R.O.G. by liberato87 - Pagina 7 - Xtreme Hardware Forum

    [...] Re: HAF 912 R.O.G. by liberato87 In arrivo le nuove CPU Bulldozer di AMD, tra ritardi e cambi di rotta [...]

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati