Google Street View dovrà preservare la privacy delle reti Wi-Fi

Tecnologie Web, Web e Business     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

Google si piega alle richieste delle Autorità Europee per la protezione della privacy. Il gigante di Mountain View sta infatti costituendo un registro che permetterà, ai gestori di hotspot WiFi, di accedere a un’opzione di «opt out» dai servizi di geo-localizzazione di Street View.

Il termine opt-out (option out) si riferisce al concetto di comunicazione commerciale diretta (direct marketing), per il quale chi non desidera ricevere comunicazioni commerciali ha la possibilità di opporsi ad ulteriori invii. In mancanza di questa opposizione, vige una specie di silenzio-assenso che fa sì che la pratica commerciale possa continuare.

Google Car
Una delle numerose Google Car, oggetto di particolare attenzione da parte dei Garanti
per la Privacy
di tutta Europa, per via della mole di informazioni confidenziali
che questi mezzi riescono a raccogliere in tempo reale.

 

Grazie al sistema GPS, alle antenne di telefonia mobile e ai router di accesso Wi-Fi, Google ha raccolto una mole impressionante di informazioni su nomi, ubicazione e identità dei possessori di utenze Wi-Fi e mobili, che il motore di ricerca utilizza per migliorare la rilevanza delle risposte nelle ricerche online degli utenti, ma anche per altre attività.

Google rende ora possibile «spegnere» i servizi di localizzazione, anche se la Commissione Europea, nel mese di Maggio, aveva decretato che questo tipo di raccolta non autorizzata di dati, dai dispositivi abilitati alla connessione Wi-Fi, violasse le norme della Comunità Europea, che proibiscono l’uso commerciale di dati privati senza il necessario consenso del proprietario.

Omicidio ripreso da Street View
Molto scalpore aveva suscitato questa fotografia, disponibile su Street View, che ritrae
la scena di un omicidio avvenuto in Brasile.

 

L’opzione di opt-out sarà rilasciata a livello globale da quest’autunno, facendo voltare pagina (speriamo) su una lunga vicenda iniziata a Maggio del 2010, quando le pratiche di Google attirarono le ire degli esperti di privacy, per via della raccolta di informazioni confidenziali anche attraverso le auto del servizio di Street View, le famigerate Google Car, pratica sanzionata in primis da Francia e Germania, soprattutto per la raccolta di immagini che andavano ben oltre lo scopo del programma.

I proprietari di router Wi-Fi, in tutto il mondo, avranno ora la possibilità di rimuovere i propri dispositivi da un registro per la localizzazione degli utenti mobili. L’intervento di Mountain View permette al motore di ricerca di evitare un confronto con le Autorità Europee sulla regolamentazione della privacy.

Come tante altre aziende interessate agli utenti di telefonia mobile,  Google si basa sui segnali pubblici delle rete Wi-Fi per ottenere una migliore localizzazione degli utenti, dato che nessun sistema è perfetto.

Stranezze pubblicate da Street View
Le Google Car sono protagoniste anche della raccolta di alcune strane immagini, come questa
che ritrae un uomo con la testa di cavallo. Sono state trovate anche fotogrammi che
riprendono scene di prostituzione, con tanto di nudi, che hanno fatto tanto discutere
sull’oportunità del servizio di Google.

 

Secondo Google, gli utenti di telefonia mobile possono beneficiare di tale sistema, quando è nota l’ubicazione, ottenendo informazioni, per esempio, come offerte di sconto dai venditori nelle vicinanze ecc. Il gigante di Mountain View ritiene di non violare la privacy delle persone con questi sistemi.

Così non la pensano i garanti della privacy, i quali ritengono tra l’altro che i maggiori benefici siano per Google, soprattutto a livello economico. Da qui l’obbligo per Google di permette la disabilitazione del servizio, cosa che ormai sarà estesa agli utenti del mondo intero.

 

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati