Ormai è ufficiale, Skype è Microsoft

Web e Business     Autore: Thomas Zaffino Aggiungi un commento

È il caso di dire che tra i due litiganti ha vinto il terzo incomodo… Annunciato nei giorni scorsi (proprio ieri abbiamo ipotizzato un primo scenario), un po’ a sorpresa, l’interessamento di Microsoft per Skype è stato ormai ufficializzato nell’acquisto della società di Santa Clara per una cifra di circa 8.5 miliardi di dollari, diventando la più grande acquisizione nei 36 anni di storia della casa di Redmond.

A farne le spese, sicuramente Google e Facebook, gli altri due titani che hanno inutilmente tentato diverse strade, compresa quella della joint-venture. La differenza l’ha sicuramente fatta l’inattesa somma in gioco. Si prevedeva infatti un valore compreso tra 3 e 4 miliardi (fonte Reuters), non certo più del doppio. Microsoft ha difatti ripianato i debiti che Skype aveva accumulato negli anni, forte di un modello di business molto interessante ma poco redditizio.

Microsoft Skype

Ormai dobbiamo abituarci all'idea che Skype sia diventato un marchio Microsoft

L’acquisto del servizio che collega già milioni di utenti in tutto il mondo, tramite  VoIP, offre a Microsoft un marchio molto noto proprio in un momento in cui la software house sta cercando l’espansione nel mercato consumer con le proprie offerte, sempre più convergenti, di comunicazione, informazione e intrattenimento, dando così una riscossa al marchio. Pur avendo notevolmente investito nel marketing e nel miglioramento della tecnologia del proprio motore di ricerca, Bing, nonostante i lauti guadagni realizzato nell’ultimo anno, Google domina ancora il mercato della ricerca (oltre il 65% delle ricerche negli Stati Uniti).

Secondo Steve Ballmer, attuale Amministratore Delegato, per Microsoft il settore Internet è ancora come un campo di battaglia, dato che l’azienda realizza la maggior parte dei suoi profitti dai sistemi Windows e dai software Office. Dalla divisione Microsoft Office, molto redditizia, proviene Lync, il software capace di collegare tra loro e-mail, instant messaging e comunicazioni vocali in una singola applicazione. Skype potrebbe rafforzare questa offerta.

GTalk

Per Google, la strada più probabile per il mercato VoIP è di puntare su GTalk, già integrato con i servizi di Google Mail

Skype potrebbe svolgere inoltre un ruolo determinante anche nello sforzo di Microsoft all’interno del mercato mobile, settore in cui si colloca alle spalle dei rivali Apple e Google. Il lancio del nuovo sistema operativo per i telefoni cellulari, Windows Phone 7, è stato ben accolto dal mercato e dalla critica ma non ha ancora migliorato significativamente la quota di mercato di Microsoft.

Per i concorrenti Google e Facebook, rimasti con l’amaro in bocca dall’ennesimo colpo di Microsoft, si annunciano tempi difficili e incerti sul fronte VoIP. Google, a questo punto, dovrà forzatamente tentare di fare decollare la sua piattaforma GTalk, che è già integrata con i servizi Google Mail. È difficile tentare di comprendere come ciò possa avvenire, ma a Google non restano molte scelte.

Per Facebook, invece, il discorso è un po’ più articolato. Il social network non contempla affatto uno strumento VoIP per la chiamate audio e video. Occorrerà svilupparne uno proprio oppure cercare una joint-venture. Ma a questo punto, ci si chiede con chi?

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati