Telecom Italia sarà il primo ISP a filtrare attivamente il traffico Internet

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Telecom Italia batte tutti: sarà il primo ISP ad applicare filtri attivi sulle proprie reti, atti a modificare il traffico, così da limitare in alcune ore e su alcuni nodi, la presenza di P2P e file sharing, a sua detta per garantire a tutti un corretto accesso a Internet. Non sappiamo però se ci sia da vantarsi di questo primato.

Si chiama “Novità per la gestione dei servizi ADSL” ed è una recente comunicazione di Telecom Italia a tutti i suoi utenti. L’operatore annuncia infatti di riservarsi, nel prossimo futuro “la facoltà di introdurre, per tutte le offerte e/o i profili commerciali che prevedono traffico dati su tecnologia ADSL, meccanismi temporanei e non discriminatori di limitazione all’uso delle risorse di rete disponibili”; un ossimoro, come a dire che impedisco a qualcuno di entrare per fare entrare tutti. Tali misure comunque verranno messe in atto già a partire dal prossimo 1 marzo, “allo scopo di garantire l’integrità della Rete e il diritto da parte della generalità degli utenti di accedere ai servizi di connettività ad Internet anche nelle fasce orarie in cui il traffico dati è particolarmente elevato”, si legge sempre nel comunicato che continua spiegando come questi “meccanismi temporanei e non discriminatori sarebbero applicati nel rispetto del principio di parità di trattamento”. Al di là di questo annuncio, tutto in pratica resta però avvolto nell’ombra, anche se la telco si è affrettata a mettere le mani avanti cercando di rassicurare la propria utenza sulla natura di tali filtri, che saranno temporanei, legati cioè soltanto ad alcune ore di punta del traffico Internet e soltanto su quei DSLAM che dovessero manifestare problemi di saturazione, limitando la banda “a un valore massimo proporzionale alla banda complessiva disponibile sul singolo DSLAM” una formula che significa tutto e niente.

Noi non crediamo che ci sia molto da vantarsi nell’aver raggiunto per primi al mondo questo traguardo, anzi riteniamo che tale provvedimento sia del tutto in spregio alle norme della Net Neutrality ed auspichiamo un forte intervento da parte delle associazioni di consumatori e magari anche un segnale da aprte degli utenti stessi, con i primi che magari decidano di fare ricorso al Garante delle comunicazioni, affinchè blocchi la messa in atto del provvedimento, vista l’assenza in Italia di una legislazione in merito alla gestione delle Net Neutrality, e un segnale forte da parte degli utenti, con la disdetta o la non sottoscrizione di nuovi abbonamenti. Chissà che una caduta verticale di abbonamenti non faccia ravvedere questi novelli catoni.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. Telecom Italia sarà il primo ISP a filtrare attivamente il traffico Internet | _INFORMARMI Titles Directory

    [...] http://www.pctuner.net/blogwp/2011/02/telecom-italia-sara-il-primo-isp-a-filtrare-attivamente-il-tra... [...]

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati