Cinque miliardi in cinque anni sulla banda mobile

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Smartphone, ultima frontiera di Internet. Così, parafrasando l’inizio della celebre serie televisiva di fantascienza Star Trek si potrebbe definire lo sviluppo dei PDA negli ultimi anni. Nel 2010 infatti gli utilizzatori di Smartphone e quindi di connessione Internet, sono diventati 500 milioni in tutto il mondo, un numero destinato a crescere esponenzialmente nei prossimi anni, uno sviluppo che, assieme all’entusiasmo, pone tutta una serie di seri interrogativi.

500 milioni di utilizzatori nel mondo, queste le cifre del 2010, ma le previsioni parlano di un raddoppio in un solo anno, questo corrente. Nel 2011 quindi smartphone e PDA è previsto che divengano 1 miliardo. Una crescita esponenziale che proseguirà nei prossimi anni, come spiega Hans Vestberg, presidente e CEO di Ericsson, nel suo intervento al Mobile World Congress di Barcellona: “Le nostre previsioni indicano che si raggiungeranno 5 miliardi di sottoscrizioni alla banda larga mobile entro il 2016″. Una previsione da tenere in conto, poiché arriva da un’azienda sulle cui infrastrutture passa circa il 40 % delle comunicazioni mobili al mondo. “Solo la nostra immaginazione può fermarci nella realizzazione di una società connessa, dove ogni dispositivo che può beneficiare di una connessione ne avrà una” ha aggiunto Vestberg.

Ma proprio quest’ultima osservazione solleva una serie di interrogativi a cui, nei prossimi anni, bisognerà dare una risposta, basta pensare a temi quali il “digital divide” e a quanto crescerà il divario tra connessi e non in un mondo in cui il 60/70 % potrà accedere alla Rete in qualunque momento). Come saziare la sete di banda larga mobile? A livello tecnico la risposta c’è, almeno in via teorica, ossia l’evoluzione dell’attuale standard HSPA: Ericsson ha infatti da poco stabilito un record di 168 Mbps in download e 24 Mbps in upload. “I 168 Megabit per secondo sono un limite teorico anche per le future evoluzioni commerciali dell’Hspa, ma non si tratta di un futuro vicinissimo” ha però subito chiarito all’ultimo Mobile World Congress Mikael Back, vicepresidente di Ericsson.

Se la risposta, anche se non vicinissima a livello tecnico c’è, restano però aperte quelle sociali sulla creazione di altri digital divide dove, in un mondo sempre più connesso, essere esclusi dalla possibilità di acquistare uno smartphone o addirittura di avere la possibilità di sviluppare le infrastrutture adatte può fare la differenza.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. Cinque miliardi in cinque anni sulla banda mobile | _INFORMARMI Titles Directory

    [...] http://www.pctuner.net/blogwp/2011/02/cinque-miliardi-in-cinque-anni-sulla-banda-mobile/ [...]

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati