L’AGCOM equipara YouTube alle TV

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Ciò che sta succedendo in questi anni su Internet ha dell’incredibile. Dopo infatti che il media ha conquistato il cuore e il computer di tutti gli utenti del mondo, divenendo così di fatto il media più utilizzato, soprattutto dalle fasce d’utenza sotto i 50 anni, tutti i legislatori hanno deciso che il mezzo andava regolamentato e fin qui non ci sarebbe niente di strano. Lo strano, o il grottesco, è che legislatori con un’età superiore a quella di utilizzo del media, che non capiscono né conoscono a fondo il mezzo di cui pretendono di parlare, hanno deciso di regolamentarlo applicandovi provvedimenti inadatti, che snaturano e mortificano, quando non censurano, il Web. L’ultimo esempio ci arriva dall’AGCOM.

Nemmeno il famigerato decreto Romani si era spinto a tanto, ma ora ci pensa l’AGCOM, che ha deciso di equiparare a tutti gli effetti web radio e web TV, che presentano dunque contenuti cosiddetti “generati dagli utenti”, a radio e TV classiche, livellandone diritti e, soprattutto, doveri. I
siti UGC diventano così servizi di media audiovisivo se sono vere due condizioni insieme, sfruttamento economico dei video e responsabilità editoriale, in qualsiasi modo esercitata da parte dei soggetti che provvedono all’aggregazione dei contenuti. Se le due condizioni si verificano entrambe, come nel caso di tutti i servizi di questo tipo più diffusi, ad esempio YouTube, Vimeo etc. allora tali siti dovranno anzitutto pagare una tassa di 500 euro, ma soprattutto, come fa rilevare anche l’avvocato esperto di diritto di Internet, Guido Scorza, la ricaduta maggiore riguarda la possibilità che nei vari processi contro YouTube e affini, per esempio quello intentato da Mediaset per violazione di diritto d’autore, si rafforzerà il concetto che il sito ha una responsabilità editoriale. I siti diventeranno inoltre soggetti a nuove norme che, essendo prese di peso dalla regolamentazione dei media tradizionali, mal si adattano alla realtà di Internet, come ad esempio l’obbligo di rettifica entro 48 ore dalla richiesta degli interessati, che si sentano diffamati da un video o ancora il divieto di pubblicare contenuti inadatti ai bambini durante le fasce orarie protette.

Ora non resta che attendere gli sviluppi della situazione, soprattutto la reazione dei diretti interessati. Google, proprietaria di YouTube, e DailyMotion, del gruppo Telecom Italia, hanno già annunciato di stare al momento analizzando la questione, anche nei tavoli tecnici appena aperti da AGCOM, mentre altri sono più espliciti, ad esempio Youreporter.it, sito di citizen journalism animato dai filmati di videoreporter sparsi in tutta Italia, che dichiara recisamente: “Siamo arrivati al paradosso che chi è preposto alla tutela delle libertà e dei diritti legati alla comunicazione interviene pesantemente per uccidere quei diritti. Ma, a nostro giudizio, una delibera dell’Agcom non può mai cancellare direttive comunitarie e leggi nazionali e soprattutto non potrà trasformare iniziative spontanee degli utenti della Rete in impresa editoriale. Questo è un assurdo giuridico e una violenza fatta alla realtà”.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

5 Commenti

  1. Paradosso AgCom: YouTube è equivalente ad un’emittente TV – Hi-Tech Italy | Siti Internet Online

    [...] è come una tv per legge italiana. ParadossaleBusiness OnlineITespresso.it -PcTuner.net -Tom’s Hardware Guidetutte le notizie (20) » var [...]

  2. Paradosso AgCom: YouTube è equivalente ad un’emittente TV – Hi-Tech Italy | Siti Internet Online

    [...] è come una tv per legge italiana. ParadossaleBusiness OnlineITespresso.it -PcTuner.net -Tom’s Hardware Guidetutte le notizie (20) » var [...]

  3. Paradosso AgCom: YouTube è equivalente ad un’emittente TV – Hi-Tech Italy | Siti Internet Online

    [...] è come una tv per legge italiana. ParadossaleBusiness OnlineITespresso.it -PcTuner.net -Tom’s Hardware Guidetutte le notizie [...]

  4. Matteo

    Il divieto di pubblicare contenuti inadatti ai bambini durante le fasce orarie protette ? Dunque .. se questo è il testo della legge, quindi IO posso uploadare un video su youtube, per esempio scandaloso, ma youtube durante l’orario protetto NON può renderlo disponibile … se mi collego ad un server australiano mentre qui è mezzanotte ? Youtube vede l’ora del server o l’ora del mio pc ? perchè comunque se è sul mio pc posso sempre portarla indiet…ah gia ! mi ero scordato che c’è anche la legge sulla privacy :) ooo se ho 12 anni ed entro su youtube alle 2 del pomeriggio, mi salvo il filmato e me lo guardo a mezzanotte ? ma i genitori guardano cosa fanno i figli ???

  5. ENGINE

    Tutte questa manfrina, il tirare il ballo la privacy dell\’utente, la tutela dei minori, la fascia oraria protetta, il diritto, la madama e la marchesa, sono solo
    giustificazioni per ottenere una cosa :

    I SOLDI.

    Sono solo i soldi che vuole il potere, mettere le tasse, campare a sbafo alle
    spalle dell’uomo.

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati