Google: ritorno al passato

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Era il 1998 quando due studenti della Stanford University, freschi dei loro innovativi studi sui motori di ricerca fondarono un’azienda destinata a cambiare la storia del search su Internet. Ma quando Google iniziò a crescere a ritmi mai visti i due (allora) ragazzi si ritrovarono in difficoltà e per scongiurare il pericolo che tutto gli scivolasse di mano chiamarono nel 2001 un veterano, Eric Schmidt, in passato già CEO per giganti come Bell, Xerox, Sun e Novell. Da allora di anni ne sono passati 10, i due ragazzi sono cresciuti e ora forse si sentono in grado di riprendersi direttamente il controllo della propria creatura, così Google ritorna al passato, con Larry Page come CEO, Sergey Brin a occuparsi delle nuove startup e Schmidt che viene passato alle relazioni esterne.

La rivista Techcrunch l’ha definito un vero e proprio “big bang”, Il New York Times l’ha spiegato con la necessità di ritrovare la “scintilla della start-up”, la CNN si si è domandata: “Perché?” e forse questa è la domanda migliore, a cui però è difficilissimo dare una risposta.

Potrebbe sembrare strano infatti che la notizia arrivi proprio nel giorno in cui si comunicano i profitti trimestrali, sopra le aspettative, segno dell’ottimo lavoro svolto da Schmidt. Ma il problema è un altro: molte cose sono infatti cambiate in dieci anni e quella che era una snella e visionaria start up si è trasformata in uno dei maggiori colossi del mercato e se il fatturato è sicuramente elevatissimo la risposta ai nuovi scenari è oltremodo lenta. La prova maggiore è l’ambito social network, dove Google non è mai riuscita ad essere davvero competitiva rispetto alla giovane azienda in blu che risponde al nome di Facebook, Buzz e Orkut infatti sono stati a modo loro due fallimenti.

Insomma il problema fondamentale è che va tutto bene quando è Google a dettare le linee del futuro, ma non sempre va tutto bene quando deve rincorrere, perché spesso va in affanno e siccome questo secondo scenario sta diventando sempre più diffuso rispetto al primo i due fondatori hanno pensato bene di tornare al passato, snellire la struttura e tentare di recuperare quell’immediatezza, quella velocità e soprattutto quella capacità di immaginare il futuro che ne hanno fatto ciò che sono. Se ci riusciranno però è tutto da vedere.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. ikeo

    Brin Matematico Russo, Page ingegnere, ammericano, Gates, Jobs….
    Questa è la gente che ha successo in USA.
    in altri paesi invece meglio fare il calciatore.

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati