FCC: nuove regole per internet, la Net Neutrality è “quasi” salva

Web e Business     Autore: Redazione Aggiungi un commento

La Federal Communications Commission (FCC), nei giorni scorsi, si è pronunciata sulla neutralità della rete. L’intervento era atteso da tempo in quanto il rapido mutamento della rete stava portando il web sull’orlo del precipizio, a rischio vi era la Net Neutrality.

Net neutrality


Dopo l’intervento della FCC, anche il Presidente statunitense Barack Obamaha avuto parole di elogio per quanto sancito: “La decisione presa quest’oggi aiuterà a preservare la natura libera e aperta di Internet, e al contempo favorirà l’innovazione, tutelando la facoltà di scelta dei consumatori e difendendo la stessa libertà d’espressione”. Le prime ravvisaglie del mutamento della rete si sono avute ad aprile 2010, quando una Corte di Appello federale sancì, con una sentenza, che la Federal Communications Commission commise un abuso nel 2008 nel condannare il provider Comcast, reo di aver rallentato la navigazione di alcuni utenti tramite l’uso della tecnologia deep packet inspection. Come approfondimmo in questo nostro blog la neutralità della rete vorrebbe che gli ISP non possano controllare né manipolare in alcun modo, per proprio interesse economico, il traffico Internet, cosa che invece puntualmente molti provider cercano di fare: è ovvio infatti che la quantità di banda disponibile non sia infinita e che se l’utente che paga l’abbonamento consuma la banda per navigare su siti gratuiti, come i social network, al provider non rimane molto spazio per promuovere i propri contenuti a pagamento. Restringendo così la banda dedicata ad attività gratuite o anche illecite, come ad esempio lo scambio di file su reti P2P, gli ISP cercano di costringere gli utenti ad abbandonare tali servizi in favore dei propri, a pagamento.

Cosa cambia oggi dopo quanto legiferato dalla FCC? Finalmente è stato stabilito che è assolutamente vietato impedire, limitare o manipolare il traffico dati di contenuti leciti su connessione fissa, eventuali contenuti illeciti diventano illegali solo se stabiliti da un Tribunale.  Se ora vi sono regole certe per le connessioni fisse, non si può dire altrettanto per quelle mobili che, visto l’enorme e rapido sviluppo, e visti i costi delle infrastrutture,  richiedono studi specifici soprattutto perchè ancora non è ben chiaro chi debba sostenere gli enormi sforzi economici per adeguare la rete wireless ad una domanda sempre più crescente. La recente querelle dei maggiori operatori mobili europei nei confronti di aziende come Google, Apple ecc. la dice lunga sulla possibilità di stabilire, oggi, regole certe per questo settore.

In pratica per le connessioni mobili, valgono le stesse regole che sono alla base della Net Neutrality, ovvero il divieto di bloccare o rallentare il traffico dati legale, ma tra le righe possono offrire soluzioni diversificate a seconda del servizio offerto, ovvero diversificare le offerte in base alla velocità ed all’utilizzo di un determinato servizio.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. FCC: nuove regole per internet | Universando | www.universando.eu

    [...] http://www.pctuner.net/blogwp/2010/12/fcc-nuove-regole-per-internet-la-net-neutrality-e-quasi-salva/ Condividi | new [...]

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati