Prevedere gli sviluppi economici tramite i social network

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Che ormai la pervasività delle reti sociali, non solo nel nuovo Web 2.0 ma anche nella vita di tutti i giorni, fosse un dato di fatto era ormai assodato, ma rilevare quanto davvero questa affermazione astratta sia vera fa sempre una certa impressione. I social network raccolgono il prodotto dei flussi di pensiero di centinaia di milioni di persone nel mondo, una mole di informazioni ciclopica che, considerandola superficialmente, può sembrare per lo più insignificante, superficiale e minimale, legata appena alle vite dei singoli e delle loro cerchie di amici, ma non è così, già se n’era accorta la Libreria del Congresso degli Stati Uniti, che sta raccogliendo i tweet come testimonianza storica, ma ora tocca anche a matematica ed economia accorgersi del potere dei social network.

Alcuni universitari statunitensi hanno infatti scoperto che studiando i flussi di Twitter è possibile prevedere, con un’affidabilità che sfiora il 90 %, l’evoluzione del principale indice della borsa newyorchese, il Dow Jones, con alcuni giorni di anticipo.

L’analisi è stata effettuata nel 2008 per dieci mesi, su ben 9,8 milioni di messaggi inviati da 2,7 milioni di utenti dal professor Johan Bollen assieme a Huina Mao e Xiao-Jun Zeng, ricercatori della facoltà d’informatica dell’università dell’Indiana-Bloomington. Ciò ha permesso di dimostrare che, tramite analisi matematiche, è possibile misurare l’umore collettivo del momento. Sono stati così catalogati sei categorie di stati d’animo (calma, allerta, sicurezza, vitalità, gentilezza e felicità) per poi arrivare alle previsioni sulla dinamica del listino azionario con una precisione dell’87,6 %.

L’analisi dell’andamento dell’umore di milioni di utenti ha permesso quindi non solo di prevedere l’andamento dell’economia, ma addirittura di anticipare l’orientamento della borsa di ben tre o quattro giorni e Bollen ha anche specificato che, avendo effettuato lo studio in un periodo particolarmente difficile con l’inizio della più grave recessione economica dagli anni 30 ad oggi e tenendo conto che le previsioni più affidabili emergono invece quando è dominante lo stato di calma, è probabile che in futuro le previsioni possano essere ancora più precise.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati