IBM: il software che prevede i crimini

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Anticipare i crimini prima che essi avvengano, sembra ovviamente il sogno impossibile alla base di Minority Report e invece è realtà e nemmeno da poco: IBM infatti ha sviluppato un software che da anni è in test presso la polizia di Memphis e adesso il programma approda anche presso alcune polizie inglesi. 11 miliardi di investimenti, statistiche e database per prevenire il crimine.

Sembra uno scenario preso di peso dalla fantascienza e invece è tutto vero, Big Blue ha sviluppato infatti da alcuni anni un programma, in dotazione alla polizia di Memphis, in grado di prevedere non certo il singolo crimine specifico, ma l’insorgere di alcuni fenomeni e ora sarà sperimentato anche in Gran Bretagna: si chiama CRUSH (Criminal Reduction Utilising Statistical History) e prevede che i computer immagazzinino le informazioni sui delitti commessi, catalogando decine di dati su ogni evento illegale, confrontandoli poi con una serie di informazioni che vanno dai criminali conosciuti, al loro comportamento, alle soffiate degli informatori, magari alla videosorveglianza e persino alle previsioni del tempo (se piove di notte si rubano più auto). Su richiesta o autonomamente, il computer offre poi agli agenti le sue previsioni di rapine, atti vandalici dopo una partita, possibilità che vengano rubate auto etc. Secondo il dipartimento di Criminologia dell’Università di Memphis, in città dal 2006 in poi c’è stata una riduzione del 31 % del crimine in generale e del 15 % dei crimini violenti.

La tecnologia potrebbe parere futuristica, ma in realtà si tratta di semplice “Predictive Analytics”, utilizzata già da anni in campo economico: 11 miliardi di dollari investiti solo negli ultimi 4 anni per sviluppare il settore, ben 22 delle 24 più importanti banche commerciali al mondo e 18 delle 22 società di telecomunicazioni che si sono affidate alla “predictive analytics” di IBM confermano la bontà e l’affidabilità di questa tecnologia e non stupisce quindi che essa possa essere applicata anche ad altri ambiti con un certo successo.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati