Windows Embedded Compact 7: Microsoft rincorre i tablet

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

I tablet potrebbero rappresentare il futuro del concetto di ultraportabilità nel mondo dei PC ma, come detto da quando abbiamo avuto modo di recensire in anteprima l’Apple iPad, per risultare davvero vincenti non possono limitarsi a riproporre l’esperienza di un PC in un formato diverso e più piccolo, che risulterebbe perdente su tutta la linea, facendo emergere tutti i limiti legati alle dimensioni ridotte, senza aggiungere vantaggi significativi. La chiave di volta è invece offrire un’esperienza d’uso nuova e completamente adattata al formato proposto e attualmente questo lo fa soltanto l’iPad col suo sistema operativo derivato dall’iPhone e, forse, potrebbe farlo Google con Android. Ma Microsoft non poteva certo restare a guardare ed oggi ha presentato una preview del nuovo Windows Embedded Compact 7.

Il problema principale di Microsoft finora è stato infatti la non adattabilità del sistema operativo Windows 7 ai nuovi dispositivi, per almeno tre ragioni fondamentali: mancanza di supporto ai processori ARM, i più diffusi e adatti a questo tipo di dispositivi, generale pesantezza per piattaforme non molto potenti, che non avrebbe assicurato la necessaria fluidità di utilizzo e, soprattutto, mancanza di un’interfaccia studiata apposta per un uso full multi touch. Questo tagliava fuori il colosso di Redmond da un mercato che si sta rivelando molto promettente.

Ecco dunque che oggi invece Microsoft ha presentato la sua versione di OS per tablet, che in un sol colpo ovvia a tutti e tre i punti di cui sopra. Windows Embedded Compact 7 introduce infatti un’interfaccia utente capace di supportare nativamente il multitouch, il pinch and zoom e le risoluzioni tipiche dei tablet, inoltre supporta nativamente Silverlight 4 e Flash 10.1 (a differenza di iPad). Questa nuova versione del sistema operativo di Microsoft introduce inoltre, grazie all’implementazione dello standard Digital Living Network Alliance, nuove funzionalità per la condivisione, la gestione e lo streaming di contenuti attraverso una rete. Microsoft sostiene infine di aver ampliato il numero di formati multimediali nativamente supportati da Windows Embedded Compact, di aver incrementato l’integrazione di quest’ultimo con Windows 7 e di aver migliorato la versione “pocket” di Internet Explorer. Il primo dispositivo a fare uso di questo sistema operativo sarà l’interessante tablet EP101TC di ASUS.

Certo, pur con tutte le sue novità, tra le quali un’interfaccia multitouch e pieno supporto ai componenti hardware oggi utilizzati sui tablet, Microsoft Windows Embedded Compact 7 da solo potrebbe non essere sufficiente a insidiare le altre piattaforme mobili, soprattutto vista la novità per Microsoft di entrare in questo mondo, dove i processori ARM tagliano fuori la disponibilità di applicativi (quelli X86/64 infatti non possono funzionare).La capacità o meno di creare un ecosistema software attorno a questo sistema operativo dunque potrebbe essere la chiave del successo o meno del nuovo OS e in passato sappiamo che Microsoft non è mai riuscita a proporre qualcosa di altrettanto convincente dell’App Store di Apple, vedasi ad esempio Zune, probabilmente a livello hardware il miglior player attualmente sul mercato, ma che manca delle infinite possibilità di personalizzazione offerte dall’iPod/iPhone.

Vi lasciamo con un breve video dell’ASUS EP101TC e con un link alla pagina della presentazione Microsoft, dove sono disponibili tre video dimostrativi delle diverse funzionalità disponibili.

http://www.microsoft.com/windowsembedded/en-us/products/windowsce/compact7.mspx

Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati