Microsoft sviluppa una TV 3D senza occhiali

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Il mercato, si sa, per mantenersi vivo deve sempre premere l’acceleratore sull’innovazione. Per quanto riguarda i display, l’ultima novità è il 3D. come tutte le innovazioni però all’inizio hanno più controindicazioni che vantaggi. In particolare le nuove TV e i display che offrono la possibilità di visione tridimensionale sono, al momento, molto costosi e scomodi, richiedendo solitamente anche gli appositi occhiali per poter godere del nuovo tipo di immagine. Poco versatili quindi, costosi e anche scomodi, per un’innovazione che è, fondamentalmente, soltanto estetica. Ma cosa succederebbe se si eliminassero gli occhiali? È quanto devono essersi chiesti alla Microsoft, dove stanno sviluppando un nuovo pannello, in grado di offrire immagini tridimensionali senza bisogno di dispositivi esterni.

La divisione Applied Sciences Group di Microsoft è un dipartimento di ricerca interno molto attivo, da cui negli ultimi anni sono giunte diverse novità. Attualmente il team sta lavorando a un’idea interessante: produrre un pannello LCD che abbia la capacità di visualizzare immagini tridimensionali senza bisogno di dispositivi aggiuntivi. Come? Sviluppando un prototipo di lente da integrare direttamente nello schermo. La nuova lente stereoscopica è più sottile alla base (6 millimetri) che in cima (11 mm) ed è in grado di direzionare la luce emessa dal display verso gli occhi degli spettatori attraverso i LED integrati alla base. Una videocamera infatti tiene traccia della posizione dell’utente per dirigere il fascio luminoso nella giusta direzione, mentre la lente si incarica di trasmettere due immagini differenti all’occhio destro e a quello sinistro dell’utente. Il risultato è una visione 3D per due spettatori in contemporanea seduti all’interno di un angolo fisso davanti allo schermo, oppure la proiezione di un flusso visivo codificato nelle tradizionali due dimensioni per quattro spettatori.

Non sono però tutte rose e fiori: tra i lati negativi, almeno nell’attuale fase di sviluppo, c’è un angolo di visione molto ridotto (20°) che Microsoft spera quantomeno di raddoppiare, e il fatto che siano necessari display con una frequenza molto alta (solitamente 120Hz, contro i classici 60). A Redmond comunque stanno pensando anche a una soluzione per adottare le lenti come retroilluminazione dei monitor LCD.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati