Gli USA vogliono poter spegnere Internet

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Alcuni senatori statunitensi hanno premuto, nei mesi passati, affinchè venisse varata una proposta di legge che conferisse nuovi poteri all’Homeland Security, l’organo che si occupa di coordinare la sicurezza sul suolo americano. Si tratta di Joe Lieberman, presidente della commissione per l’Homeland Security, del democratico Jay Rockfeller e della repubblicana Olympia Snowe. In pratica la legge, che in questi giorni ha avuto una prima approvazione, conferirebbe in pratica al Presidente degli Stati Uniti il potere di “spegnere” porzioni della Rete per quanto riguarda il suolo americano, nel caso in cui si reputasse che vi fossero seri pericoli di sicurezza interna. Ma serve davvero questo provvedimento e si può mettere in pratica?

Tecnicamente si chiamerebbe “Protecting Cyberspace as a National Asset Act” (PCNAA), ma è più conosciuto semplicemente come “Internet Kill Switch”, il pulsante per uccidere Internet. Il disegno di legge prevede infatti che, in caso si presenti il rischio di un cyber-attacco in grado di causare danni elevati e perdite di vite umane al presidente siano conferiti tutti i poteri per decidere l’oscuramento o lo spegnimento totale di tutti o alcuni siti, inseriti in una lista specifica, giudicati sensibili e per questo isolati in caso di attacco. Da parte loro tutte le aziende elencate nel documento dovranno adeguarsi alla nuova normativa e aderire all’istante al comando, nel caso in cui venisse emanato, pena gravi sanzioni e multe.

Ma questo provvedimento serve davvero a qualcosa e, soprattutto, è davvero possibile metterlo in pratica? Secondo Michael Wolff, veterano del giornalismo americano ed esperto di hi-tech per il magazine specializzato Wired la risposta è no a entrambe le domande. “Lo trovo un provvedimento di legge assurdo, fatto da persone che non sanno nulla di tecnologia e basato su principi irrealizzabili” ha infatti dichiarato, proseguendo poi “È sponsorizzato dal senatore Joseph Lieberman, che certamente non sa di Internet e di sistemi informatici, e che ha una serie di strane ossessioni in termini di sicurezza nazionale. Sono sicuro che certi politici non sanno nemmeno lontanamente capire le implicazioni che una legge del genere potrebbe avere”. Secondo Wolff infatti questo provvedimento è destinato a morire non appena sarà inserito in un dibattito un po’ più ampio, in cui saranno coinvolti anche degli esperti, che spiegheranno ai tre senatori che la Rete, chiama non a caso World Wide Web (letteralmente la Rete ampia quanto il mondo) non è realizzata a compartimenti stagni e che misure del genere avrebbero ricadute economiche non quantificabili, negli USA e nel resto del mondo, oltre al fatto che nessuno, compreso Wolff, riescono a immaginare scenari che richiederebbero davvero l’applicazione di tale legge, se non nella sceneggiatura di qualche film di fantascienza.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati