UK: il provider si ribella

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

La legge antipirateria del Regno Unito, precedentemente nota come proposta di legge Mandelson e di cui vi abbiamo dato notizia a più riprese, è talmente recente che, anche essendo stata approvata, non è ancora in vigore e già ci sono le prime, durissime reazioni: TalkTalk, l’ISP più grande del Paese ha infatti dichiarato che non collaborerà in alcun modo all’applicazione delle misure di legge previste.

Già, proprio così, TalkTalk è il primo provider britannico per grandezza e l’unico al momento, come non mancano mai di sottolineare, a fare un’opposizione dura alla legge simil-Sarkozy approvata pochissimi giorni fa.

Andrew Heaney, direttore del provider britannico, ha infatti definito senza mezzi termini il giorno dell’approvazione della legge “un brutto giorno per la democrazia britannica” e si è detto preoccupato per le future speranze democratiche di un Paese connesso come il Regno Unito. A destare le preoccupazioni di Heaney non è solo il contenuto della legge, ma anche la modalità, e la fretta, con cui è stata approvata in via definitiva, cosa che avrebbe portato, sempre secondo il direttore, a una preoccupante mancanza di approfondimento della materia sia tecnica che giuridica, come parrebbe confermare anche una lettera apparsa alcuni giorni fa sui giornali inglesi, di incerta attribuzione al ministro Stephen Timms, il quale nel testo scioglie l’acronimo IP come Intellectual Property invece che Internet Protocol, una svista alquanto preoccupante, che testimonierebbe l’ignoranza sostanziale della materia su cui si vuol intervenire in maniera tanto radicale.

TalkTalk ha altresì affermato che non è intenzionato a collaborare in alcun modo con la legge e i principi del Digital Economy Bill che la ispirano, e che si piegherà solo ed esclusivamente alla decisione ultima di una corte, non accettando quindi che siano i detentori del copyright ad obbligare il fornitore di connettività a disconnettere i propri utenti.

Un’affermazione forte, che però è del tutto condivisibile ed anzi encomiabile, in quanto il provider si oppone alla propria trasformazione forzata in organo di polizia, funzione alla quale non sarebbe ovviamente adibito e che rappresenta di fatto una pericolosa incrinatura all’interno di un sistema giuridico, dove le regole a quanto pare possono ormai essere stravolte ogni volta che fa comodo alla lobbie di turno.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati