Touch screen? Presto digiteremo sul braccio

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Un avambraccio poggiato sul tavolo, con la pelle strappata che mostra l’interno, fatto non di vene, muscoli e ossa, ma di meccanismi, sensori e cavi: è il Terminator che, ferito, si sta autoriparando. Questa è una delle immagini più forti, entrate nell’immaginario collettivo come metafora dell’uomo robotizzato, del cyborg, un insieme di tessuti umani e strutture metalliche, guidato da un’intelligenza artificiale. Ora, a quasi 30 anni da quel film arriva un progetto, chiamato Skinput, che non prevede ancora membra meccaniche, ma che comunque cerca in qualche modo di integrare biologia e tecnologia e, come supporto, prende a prestito proprio l’avambraccio.

Lo stanno sviluppando alcuni ricercatori americani della Carnegie Mellon University di Pittsburgh in collaborazione con Microsoft, si chiama Skinput ed è l’unione dei due termini Skin (pelle) e Input, una sorta di touch screen integrato nel corpo umano, che dovrebbe permettere di usare la propria pelle come la tastiera di un cellulare o di un qualsiasi dispositivo computerizzato.

Al progetto ci stanno alvorando in tre: Chris Harrison della Carnegie Mellon University e Dan Morris e Desney Tan di Microsoft. Skinput non è altro che l’unione di due tecnologie: le basse frequenze di suono prodotte dal tocco di un dito sulla pelle e i microproiettori. In pratica Skinput consiste nel proiettare sull’avambraccio l’immagine di una tastiera, successivamente un microfono molto sensibile montato su una fascia avvolta al braccio capta la digitazione sulla pelle, riuscendo a capire dove si è verificato il tocco delle dita sulla tastiera. Il tutto è possibile grazie all’abilità di distinguere i diversi suoni che sono a bassissima frequenza, prodotti dal contatto con la pelle. I tre scienziati infatti hanno prima di tutto dovuto creare un vero e proprio database dei suoni prodotti dall’avambraccio, determinato grazie alle diverse combinazioni di pelle, muscoli e ossa.

Il sistema, ancora in fase di sviluppo, è già stato testato su una ventina di volontari, come riportato dalla rivista New Scientist, e la maggioranza ha trovato facile navigare tra le icone oltre che digitare sull’avambraccio. I ricercatori sono fiduciosi sulle applicazioni future di Skinput: secondo loro sarà infatti possibile inviare comandi a telefoni, lettori MP3 o anche PC.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati