Anche Facebook punta al microcredito: accordo con Paypal

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Facebook è ormai il sinonimo per eccellenza di social network: nonostante infatti esistano tante altre reti sociali nessuna ha avuto il boom di questo sito, che in soli sei anni è stato in grado di raggiungere i 400 milioni di iscritti nel mondo. Tuttavia, come quasi tutti i protagonisti della new economy, tirare fuori veri guadagni da numeri così impressionanti è un altro paio di maniche: dal boom della nuova economia infatti in molti si sono anche scervellati per cercare un business model che fosse originale,nel senso di nato appositamente per queste nuove forme del mercato, ma molto spesso con pochi o nulli risultati e così anche giganti insospettabili, come YouTube, sono in perdita. Da poco però è emerso il concetto di microcredito, sposare i social network con la possibilità di compiere acquisti e piccole spese, cosa che sembra funzionare e ora ci si tuffa anche Facebook, che ha appena siglato un accordo con Paypal.

Molti, per anni, si sono limitati ad adottare il modello di Google, di inserire pubblicità mirate alle abitudini di navigazione dell’utente, ma non è l’unico modo per far fruttare un’attività online né, probabilmente, il più redditizio. Attualmente invece in molti iniziano ad utilizzare il sistema dei microcrediti, un modo per far girare facilmente i soldi rendendo possibile eseguire piccoli acquisti all’interno del social network stesso, così che si generi un plus valore che crea guadagno.

Anche Facebook ha scoperto da poco questo sistema e l’ha provato prima nei soli USA dove, in unione con un circuito chiamato Zong, si può utilizzare una moneta virtuale per acquistare piccole cose nei negozi virtuali ospitati nel circuito, per lo più piccoli videogiochi. Non un granchè, ma già così in grado di generare un flusso di alcune decine di migliaia di dollari al giorno. Evidentemente incoraggiata quindi da questi risultati positivi ora Facebook ha deciso di fare il grande passo e portare questo sistema all’interno network e, per farlo, aveva però bisogno di un partner internazionale per gestire i pagamenti online echi meglio del gigante Paypal, facente parte della famiglia eBay?

Ecco quindi siglato ufficialmente l’accordo tra i due giganti, Paypal sarà distribuito sottoforma di plugin e gli utenti potranno quindi decidere se installare o meno il servizio sul proprio account. Vedremo quindi come andranno gli sviluppi e non è detto che, in futuro, non si possa anche delineare una collaborazione sempre più stretta tra Facebook e eBay.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati