3D: ci si tuffa anche Nintendo

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Il 3D, o più correttamente stereoscopia, è la vera tendenza tecnologica del 2010 e del futuro 2011: cinema (l’unico contesto dove attualmente ha un senso compiuto), ora sempre di più TV e, da ultime, arrivano anche le console, anche se al momento solo quelle portatili e, più specificamente, la DS di Nintendo. Il futuro di questa tecnologia in ambito casalingo è tutto da vedere e per niente scontato, ma la casa nipponica regina dell’intrattenimento ha deciso di provarci, buttandosi a capofitto nel promettente business.

Le hanno aggiunto una webcam, poi l’hanno dotata di un game store, poi ne hanno ingrandito lo schermo, infine l’hanno promossa a strumento pedagogico, e ora Nintendo è pronta a fare della sua vendutissima DS la prima console da taschino 3D. Non si parla di grafica dei giochi in sé ovviamente, ma della modalità di visualizzazione che sarà disponibile, più correttamente definito stereoscopia, quello del recentissimo Avatar per capirci. La cosa più succulenta comunque è che il gigante giapponese promette che non saranno necessari occhiali o altri dispositivi e che l’effetto stereoscopico sarà quindi pienamente godibile a occhio nudo, cosa importantissima per una console portatile.
Nintendo ha annunciato anche nel comunicato stampa che la DS 3D – temporaneamente chiamata 3DS – sarà lanciata sul mercato nel corso del prossimo anno fiscale (compreso fra aprile 2010 e marzo 2011), ma visto il recente lancio della DS XL, è comunque assai probabile che la 3DS non arriverà nei negozi prima della fine del 2010 o addirittura l’inizio del prossimo anno.

Al momento nello scarno comunicato non è dato sapere altro, ma Nintendo ha promesso di mostrare un prototipo della nuova console e di svelarne altre caratteristiche in occasione del prossimo E3 di Los Angeles, in programma a giugno. Per il momento le supposizioni sono varie, che integrerà uno o più sensori di movimento, che farà uso di NVIDIA Tegra 2, o che adotterà uno o entrambi gli schermi ad alta risoluzione (720p), ma si tratta di pure ipotesi senza vero fondamento e pertanto da prendersi con le molle.

Restano al momento in piedi altri dubbi invece, sia di natura tecnica che di marketing. Al primo tipo si può ascrivere la riflessione sul fatto che Nintendo prometta di integrare su un dispositivo da 200 € una tecnologia attualmente assai giovane, per non dire acerba, come quella della stereoscopia senza bisogno di supporti, attualmente ancora in pieno sviluppo. La seconda, forse ancora più importante riguarda invece il futuro di tale tecnologia in ambito home: se infatti al cinema può avere senso guardare spettacoli pensati per gli occhi come Avatar o Alice, a casa, per quanto lo schermo possa essere grande ha già meno senso, senza dimenticare inoltre l’attuale penuria di programmi realmente disponibili per questa visualizzazione e il fatto che si tratterebbe in pochi anni dell’ennesimo cambio di rotta del mercato, che costringerebbe gli appassionati a un nuovo acquisto a breve di dispositivi per altro non economici, dopo l’eterna guerra tra LCD e Plasma, poi la rivoluzione della retroilluminazione a LED e infine questa.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati