Flattr: la circolazione del denaro si fa social

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Social, social, se qualcosa non è o non diventa social ultimamente su Internet sembra non volerla nessuno o sembra non essere destinata al successo. Sia come sia, il mercato detta le regole e quindi, in epoca di Web 2.0, social network è la parola d’ordine, l’abracadabra degli affari virtuali, l’apriti sesamo dell’imprenditoria in Rete. E allora ecco che Peter Sunde, fondatore di The Pirate Bay, ritrovatosi ultimamente con molto tempo libero ha deciso di riprendere e portare a termine lo sviluppo di un’idea a cui in realtà stava già lavorando dal 2007: si chiama Flattr ed è la prima community ad economia social.

E’ un’idea che rimuginava già da oltre due anni Peter Sunde, ma la gestione di TPB probabilmente gli portava via troppo tempo per riuscire a metterla davvero in cantiere, ora che TPB non c’è più, o quanto meno non è più sua, ecco che il nostro giovane imprenditore ha deciso di buttarsi anima e corpo su questa nuova idea, capace di fondere community, contenuti e micro pagamenti con i concetti dei social network e del Web 2.0. Si chiama Flattr, per il momento è ancora in beta ma è già possibile usarlo: ma cos’è e come funziona?

In pratica si tratta di una normale community in cui gli utenti, previa iscrizione, possono postare usufruire dei contenuti, che sono quindi condivisi e sviluppati autonomamente. La novità consiste nel fatto che, all’iscrizione, ognuno potrà decidere di pagare una quota: il pagamento è obbligatorio, mentre la quantità di soldi versati no e anzi la soglia d’ingresso è molto bassa, si parla di circa 2 €. Una volta iscrittisi si può iniziare a produrre e condividere i propri contenuti e a usufruire di quelli degli altri; a fine mese il denaro incassato sarà distribuito poi tra l’utenza secondo il classico sistema del gradimento, ossia chi riceverà più voti positivi per i propri contenuti guadagnerà di conseguenza più di chi riceve meno gradimento.

Un modo democratico quindi di promuovere contenuti e ridistribuire la ricchezza in maniera meritocratica e socializzata, che certo al di fuori della rete non esattamente una situazione che si possa vivere tutti i giorni. Se avrà fortuna non lo sappiamo, ma sicuramente è una bella iniziativa, che riesce ad esprimere lo spirito profondo di Internet e dei suoi utilizzatori abituali.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

2 Commenti

  1. Flattr e il denaro si redistribuisce tra gli utenti - ItalianBloggers

    [...] Via pctuner.net [...]

  2. arturo

    assolutamente da sviluppare

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati