ACTA, conflitto di opinioni in Europa e pressioni al Canada

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Sulle questioni riguardanti la proprietà intellettuale nell’era di Internet è sempre più caos: confusione di piani di discorso differenti, confusione di opinioni, posizioni, interessi economici e politici e questa confusione, purtroppo, sta ora raggiungendo anche organi internazionali che invece dovrebbero aiutare ad omogeneizzare le legislazioni in materia di ciascuna nazione, il problema è che ognuno vorrebbe andare in una direzione diversa. Del resto quando in gioco ci sono guadagni faraonici, si sa, andare d’accordo è impossibile.

Le nomine ai tre ruoli fondamentali di commissario europeo per questioni legate al copyright non sono ancora state ufficializzate che è già lite tra i protagonisti: Viviane Reding, commissario designato per i diritti fondamentali e la cittadinanza, ha infatti già dichiarato di essere fermamente contraria sia alla politica e alle vessazioni della cosiddetta dottrina Sarkozy o HADOPI e degli emuli che stanno spuntando un po’ ovunque in Europa, e sia, di conseguenza, alle disposizioni ACTA; in particolare ritiene intoccabile il diritto dei cittadini a un giusto processo, cui inderogabilmente deve essere subordinato l’eventuale divieto d’accesso alla Rete. Purtroppo però l’altro commissario, Neelie Kroes, designata per l’Agenda Digitale, ha invece affermato che non si potrà rivedere l’accordo andando oltre a quanto già previsto dall’attuale normativa vigente in materia, che non potrebbe essere modificata tramite accordo commerciale. Infine Michel Barnier, candidato al Mercato Interno e i Servizi Finanziari e già ministro di Sarkozy, ha dichiarato che sradicare la pirateria online sarà in cima alla lista delle priorità del suo mandato e ha affermato che, in relazione ad ACTA, è importante cambiare il quadro legislativo europeo, ovviamente nella direzione da lui sperata, ossia opposta a quella della Reading.

E a confondere ancora di più le acque arriva anche la questione Canada: sono infatti in corso negoziati sull’argomento tra Europa e Canada dove si sta cercando di raggiungere un accordo commerciale col paese americano sulla questione diritto d’autore. La manovra sinceramente già di per sé è spiacevole, in quanto con la scappatoia dell’accordo commerciale si sta tentando di aggirare un dibattito politico nelle sedi adeguate, che si preannuncerebbe lungo e complesso, mentre le major, si sa, puntano sempre a soluzioni sbrigative, a proprio vantaggio e non sempre democratiche. Accordi commerciali su argomenti complessi dovrebbero invece a nostro giudizio essere proibiti e gli argomenti dibattuti in sede politica e col coinvolgimento delle parti, come una specie di concertazione.

Ma la cosa non finisce qui, perché da un documento ufficiale trapelato a novembre si è appreso un particolare spiacevole quanto ampiamente prevedibile e cioè che l’Unione Europea avrebbe espresso l’intenzione di voler far pressione sul Canada affinché prenda sul serio le questioni relative alla proprietà intellettuale rimediando alle carenze della propria normativa. Michael Geist, testimone del documento non ancora diffuso in Rete, afferma come in esso si ribadisca come gli attuali negoziati commerciali siano un’occasione unica per aggiornare le norme attualmente vigenti in Canada in materia aggirando le opposizioni di lobby locali anti-proprietà intellettuale.

La situazione quindi non potrebbe essere più chiara, visto che “le opposizioni di lobby locali” altro non sono che legalissime associazioni di consumatori che vorrebbero almeno che tali decisioni siano prese in dibattiti e non tramite pressioni economico-politiche alle loro spalle. Il Canada infatti potrebbe anche accettare le condizioni di questi trattati, chiedendo in cambio vantaggi economici in altri settori.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati