Si torna a parlare di anonimato in rete….purtroppo!

Web e Business     Autore: Luigi Mango Aggiungi un commento

Dopo la vile aggressione a Silvio Berlusconi avvenuta due giorni fa ad opera di Massimo Tartaglia, si sono succedute le polemiche sulla nascita di alcuni gruppi su Facebook a favore del gesto di quest’ultimo, il tutto condito da frasi di odio e di disprezzo verso una persona che, è bene ricordarlo, rappresenta un’altissima carica dello Stato. Non entreremo nella spirale politica della vicenda, non è questo il luogo, ma quanto accaduto ha riacceso le polemiche da parte di alcuni esponenti politici riguardo all’abolizione dell’anonimato in rete.

On. Gabriella Carlucci

L’On. Gabriella Carlucci, dal proprio blog rilancia con forza una proposta di Legge arenatasi qualche mese fa. Tale proposta intenderebbe abolire l’anonimato in rete in quanto:

Internet e i social network stanno diventando, ogni giorno di più, canali e strumenti di diffusione di odio e veleno. I gruppi nati su Facebook per inneggiare alla vile aggressione, subita ieri a Milano dal Presidente Berlusconi, provano, ancora una volta, che è giunto il momento di eliminare definitivamente l’anonimato in rete.

Già all’epoca della prima bozza di questa proposta di Legge ci fu una sollevazione popolare del popolo della rete, quanto avanzato dall’On. Carlucci era visto come una forma di censura della libera espressione propria di internet. Riportiamo i primi due articoli:

Articolo 1

La presente legge si applica a tutte le attività di accesso alla rete internet effettuate a partire da – e per il tramite di – apparati informatici e infrastrutture fisicamente presenti nel territorio della Repubblica Italiana.

Articolo 2

1. E’ fatto divieto di effettuare o agevolare l’immissione nella rete di contenuti in qualsiasi forma (testuale, sonora, audiovisiva e informatica, ivi comprese le banche dati) in maniera anonima.

A tal proposito la Deputata ha aggiunto nel suo ultimo intervento:

Un provvedimento che non è contro la rete, non è contro la libertà di espressione, ma contro i criminali che abusano di Internet per infrangere la legge. E’ inconcepibile ed inaccettabile che al gesto incontrollato di un folle sia seguita l’adesione fredda e cosciente di migliaia di persone. I social network non sono più luoghi di incontro e socializzazione virtuale. Si sono trasformati in pericolose armi in mano a pochi delinquenti che, sfruttando l’anonimato, incitano alla violenza, all’odio sociale, alla sovversione.”

Riteniamo fermamente che l’odio ed il gesto sconsiderato di Tartaglia siano da condannare senza alcuna falsa retorica, ma una maggiore conoscenza dell’universo di internet e, nello specifico, dei social network gioverebbe ad una eventuale legislazione che, siamo certi, in taluni casi farebbe bene ad un vivere civile, seppur virtuale.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

4 Commenti

  1. fedcas

    se ne parla sul forum ;) http://www.pctuner.net/forum/free/122596-censura-e-anonimato-su-internet.html

  2. GIUSEPPE

    alla signora Carlucci dico solo che farebbe bene a convogliare le sue forse verso altre battaglie….intanto se vuole essere credibile, si presenti al cospetto degli italiani come mamma l’ha fatta, senza rigonfiamenti vari, senza labbra finte…io non riesco più a guardarla, mi fa impressione! e con lei tutti quegli stolti che ricorrono ai medici prezzolati che con quattro tagli e un pò di silicone, botulino e qualche altra diavoleria, trasformano delle persone in povere marionette assolutamente ridicole e inguardabili….!!! questi sono comportamenti da censurare, perchè danno alle giovani ragazze che provano disagio psicologico per qualche problema fisico, la pia illusione che tutto si possa aggiustare con il medico dal taglio facile!! e proprio lei, ci viene a parlare di eliminare l’anonimato in rete, quando lei stessa come tantissime altre illuse si è praticamente resa ” anonima ” rispetto a come è nata! stuprata nei connotati per soddisfare chissà chi o cosa….lasci stare, signora, lasci stare internet a chi ne capisce e cerchi piuttosto lei di recuperare la sua vera immagine, celata dietro all’ anonima maschera creata da un furbacchione in camice bianco che per soldi l’avrebbe fatta assomigliare a chiunque, se lei glielo avesse chiesto……il problema dei fomentatori d’odio, esiste da sempre ed esisterà anche dopo che lei avrà restituito dignità al suo corpo….ci sono sempre stati gruppi e gruppetti organizzati da qualche fazione politica per cercare con ogni mezzo di contrastare gli avversari….solo alcuni ricorrono scientemente alla violenza, e sono ben collocabili politicamente, da sempre, e non sarà la chiusura di qualche sito o la tracciabilità dell’identità che potrà scoraggiare qualche imbecille di professione….no, occorre che il popolo si alzi ed alzi la propria voce, ma il popolo è molto impegnato a combattere ogni giorno la propria guerra contro ben altri problemi….primo fra tutti il maledettissimo euro che ci sta lasciando con una mano davanti e l’altra di dietro!…spero che tutti coloro che lo vollero fortemente siano bolliti nell’olio all’inferno!! e poi la salute, l’invasione dell’islam che si sta prendendo la rivincita sul cristianesimo…! e sarebbe troppo lungo l’elenco delle cose vere, queste si, davvero importanti, di cui doversi occupare, se fossimo in un paese davvero civile….a partire dalla eliminazione degli stipendi d’oro di voi ” politici ” che vi interfacciate e vi saldate alla poltrona vita natural durante….!!! prima censurate tutta la schifezza che abbiamo negli ambienti politici, medici, imprenditoriali, nel mondo tutto particolare della magistratura, dello sport sporco e corrotto, scavate e fate pulizia dapperttutto, senza guardare in faccia nessuno, eliminate ogni contraddizione, tutto ciò che ostacola la vera scienza, la scuola, la ricerca, date segnali forti di moralità diffusa, ripulite ogni ambiente insudiciato dalla corruzione, tendete una mano a chi vuole costruire un futuro migliore, per tutti e non per pochi, la gente capisce un gesto buono, anche solo l’intenzione di compierlo, la gente ha ancora voglia di credere, e non saranno quattro scemi informatici a sfasciare quel poco di buono che ancora resiste nel nostro amatissimo e brutalizzato paese!!! ci rifletta mia cara signora Carlucci, il giorno in cui io potrò tornare a specchiarmi in fiumi e laghi e mari puliti, calmi e dolci, il giorno che io potrò tornare a calpestare l’erba di un prato fiorito e sentire il profumo dei fiori, il giorno in cui camminerò tra gente di etnia diversa che tutta insieme si saluta, si sorride, si rispetta e parla una sola lingua nel mio paese, l’Italiano, almeno come lingua principale e ne rispetta tradizioni costumi e regole civili, in quel giorno io le dirò, cara signora Carlucci, grazie per ciò che avete FATTO e non già per ciò che avete sempre DETTO e MAI FATTO!! vede, signora, lei pretende di far tacere uno sparuto gruppetto di sbandati sociali, mentre sarebbe meglio incontrarli sul loro terreno, interpretarli, capirli, ed offrir loro la esatta lettura delle pagine che altri gli hanno preparato confidando sulla loro scarsità intellettuale….li usano come testa di ariete per sfondare e aprire un varco…per poi introdursi e infettare….e voi vorrerste censurare la vox populi…di un popolo abusato da intellettualoidi che sono ideatori, mandanti e veri responsabili, ma che se ne stanno bene rintanati, da bravi vigliacchi? nel colpire nel mucchio, colpireste solo innocenti, i veri autori dello sfacelo intellettuale stanno dietro alle finestre, guardano di nascosto l’effetto delle loro iniezioni letali di veleno ideologico che provocano devastazioni nei giovani, vittime preferite da questi emeriti assassini di menti immature…..per adesso mi fermo qui, signora Carlucci, ma resto vigile e attento….vi osservo…agite con giudizio senza farvi schiacciare dall’onda emotiva…..e buon lavoro..

  3. Spartaco

    Proprio come me viene: penzo che sta *signora* per non dire altro …adesso fa pure le proposte de legge, come se la rete è responsable di quello accaduto ar berlusca. Sta *signora* no ha capito che la rete è un posto libero dove tutti anche con il dirito all’anonimato posso eprimere e dire quello che vogliono. E poi parlamose chiaro già stava nell’aria da tempo che se pensava ar bavaglio e cosi adesso se prenne la palla al balzo. A Bella ma chi tamannato avanti co sta proposta che pensensate che agente dorme…

  4. Luigi Mango

    ciao Spartaco, scusa per gli edit….per non passare dalla parte del torto.

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati