iPhone + Carta di Credito = Square

Gadget e Hi-Tech     Autore: Luigi Mango Aggiungi un commento

Cosa succede se si unisce la versatilità dell’iPhone con l’esigenza sempre più marcata di utilizzare per i propri micropagamenti la carta di credito? Accade che può nascere una funzione in grado di far riconoscere ai dispositivi Apple le carte di credito. A pensare a questo nuovo utilizzo è stata la startup Square.

Square

Square è una neonata azienda fondata da Jack Dorsey. Ai lettori più attenti il nome non è nuovo visto che Dorsey è uno dei fondatori di Twitter, il microblogging più in voga del momento.

L’idea del fondatore di Square è semplice anche se, a mio avviso, in favore della sicurezza delle transazioni si è persa per strada l’immediatezza dell’utilizzo. Il progetto prevede l’impiego di un dispositivo di plastica da collegare fisicamente all’iPhone attraverso il jack di cui è dotato, tale dispositivo altro non è che un lettore di carta di credito in miniatura. Una volta effettuata la “strisciata” appare sul display dell’iPhone la foto del titolare della carta di credito, a quel punto per la firma basta appoggiare il dito sul display ed il gioco è fatto.

Non sono previste ricevute cartacee, il sistema invia un SMS o una email sia al titolare della carta di credito che al proprietario dello smartphone.

Accennavo prima all’immediatezza del servizio sacrificata sull’altare della sicurezza: per far si che il sistema funzioni, Dorsey ha previsto che sia il titolare della carta di credito che quello dell’iPhone siano registrati sul sito Square cosi da depositare la foto dell’acquirente ed i dati personali e bancari del venditore. Questo passaggio è naturalmente obbligatorio per far si che il sistema funzioni, ma implica la registrazione di un account.

Dorsey ha poi affermato di voler utilizzare anche altre piattaforme per espandere la propria idea, si parla di sviluppare un sistema hardware e software anche per il BlackBerry e, naturalmente, per l’emergente Android.

Le prime specifiche indicano una transazione massima di 60 dollari, siamo quindi all’interno della fascia dei micropagamenti, sicuramente i più utilizzati per le piccole spese giornaliere. La tendenza generale è quella di abolire l’uso dei contanti in favore dei pagamenti elettronici, molta più comodità indubbiamente…ma si corre il rischio di perdere di vista il budget a disposizione.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. fedcas

    caxxata mostruosa… le carte di credito a banda magnetica stanno scomparendo :p

    e comunque non vedo che senso abbia allo stato attuale un lettore di carte di credito su un cellulare. E se si mira al futuro non ha comunque senso perchè la generazione successiva sono le carte contactless.

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati