La ricetta di Gartner per uscire dalla crisi: i social network

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Anche quest’anno si è tenuto a Cannes il Gartner Symposium, l’evento sull’Information Technology più prestigioso al mondo, organizzato come sempre dall’omonima organizzazione di analisi e ricerca sull’Information Technology, la più grande e importante nel mondo, con i suoi 1200 analisti in 80 paesi. Si tratta di un evento in cui ogni anno si fanno analisi interessanti e si delineano gli scenari di sviluppo del settore per il futuro, una fucina di idee e stimoli destinata durante l’anno ad investire tutti i campi dell’Information Technology. Quest’anno ciò che è emerso è particolarmente interessante: i social network potrebbero essere una soluzione per far uscire le aziende dalla crisi.

I servizi più famosi disponibili attualmente sul Web, ossia i social network e le social technologies, saranno progressivamente introdotti nelle aziende di tutto il globo come strumenti di marketing, di collaborazione, di comunicazione. Un processo guidato dalla crisi, visto che la riduzione dei costi è uno dei vettori per l’utilizzo di strumenti già disponibili, e dalla popolarità globale di Facebook, Twitter, YouTube, Google e altri. L’introduzione delle tecnologie Web 2.0 dorevebbe interessare,s econdo le proiezioni presentate al congresso, l’80 % delle aziende entro il 2013, con una buona parte di esse che avrà anche una presenza sui principali social network.

Del resto le parole di Peter Sondergaard, direttore mondiale delle ricerca di Gartner, sono sufficienti a sottolineare con forza quanto imponente sia la crisi attuale: “Il 2009 e il 2010 sono gli anni più ricchi di sfide che avremo nelle nostra intera vita professionale”. Un messaggio forte accompagnato da una ricetta altrettanto forte: per la prima volta infatti in un contesto del genere si è sentito parlare di accompagnare l’uscita dalla crisi non con programmazioni di medio-lungo periodo, ma con lo sviluppo e l’applicazione di una “Pattern-Based Strategy”, ossia di una stretegia basata su modelli in costante sviluppo e correzione, una specie di navigazione a vista, in cui bisogna essere in grado di decidere una rotta, ma anche di correggerla on-the-fly, a seconda delle indicazioni di feedback che si ricevono. Ciò tra l’altro, secondo gli analisti, dovrebbe anche consentire alle aziende di aumentare i gradi di autonomia e di libertà nell’uso delle tecnologie.

Altro tema forte emerso è quello dell’eccesso di informazione. Dan Chebac, responsabile commerciale Gartner per l’Italia ha infatti dichiarato: “Stiamo morendo tutti di troppa informazione. Sarà necessario trovare il modo di ridurla e ottimizzarla”, riferendosi a come l’informazione sia ormai talmente tanta che analizzarla scremarla per avere solo quella davvero utile è ormai diventato un “lavoro nel lavoro” e a ribadire ulteriormente quanto l’informazione e il contenuto stiano prendendo una posizione rilevantissima nelle attenzioni di chi si occupa di tecnologie c’è anche l’affermazione di Regina Casonato, analista e country leader per l’Italia, che dice “Fino a poco tempo fa l’attenzione di tutti era sulla ‘T’ di Information Technology. Oggi si sta progressivamente spostando sulla ‘I’”. Ecco perché la crescente importanza della search, dei social network e di quanto veicola l’informazione in Rete è al centro di questo Symposium “post-crisi”.

Ciò che sembra dunque emergere più chiaramente da questa edizione del Gartner Symposium, rispetto alle edizioni precedenti, è ci sia una grande incertezza nel dare una previsione “solida” del futuro, perché ci troviamo a un crocevia economico-finanziario, tecnologico e di abitudini in mutamento degli utenti che può sconvolgere il futuro di molte aziende e di interi paesi.

In uno scenario simile è chiaro quindi che creatività e capacità di adattamento divengano doti essenziali per un’azienda. Navigare a vista, non avere pregiudizi tecnologici sui nuovi servizi offerti dalla Rete, come appunto i social network, riuscire a immaginare nuovi modi di vendere o far conoscere i propri prodotti sta diventando sempre più decisivo per il successo e la sopravvivenza delle aziende.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati