Apple Snow Leopard: le novità

Gadget e Hi-Tech     Autore: Luigi Mango Aggiungi un commento

Apple ha presentato il nuovo sistema operativo Mac OS X 10.6 “Snow Leopard”. La scelta della data non è casuale, Apple ha voluto anticipare soprattutto il concorrente Windows 7 di Microsoft che però vedrà la luce il 22 ottobre e che, nelle intenzioni di Apple, rappresenta il concorrente diretto.

snow leopard



Rispetto alla versione precedente non vi sono state rivoluzioni ma migliorie, sono state velocizzate gli applicativi  Dock, Finder e Time Machine, mentre è stato introdotto il pieno supporto a Microsof Exchange Server 2007 che interagirà con Mail, iCal e Rubrica Indirizzi.

Il nuovo sistema operativo è stato progettato per lavorare con le applicazioni a 64bit, naturalmente è assicurata la compatibilità con i programmi a 32bit.

Ciò che ha sorpreso un po’ tutti gli addetti del settore è che, per la prima volta, Apple ha introdotto un programma che, pur non potendosi definire un antivirus in quanto non può agire sulle minacce (a parte metterle in quarantena), è però in grado di segnalare se vi sono file pericolosi nel sistema e può avvisare l’utente di porvi rimedio.  E’ di questi giorni la notizia di un codice dannoso denominato OSX_JAHLAV.K  e dedicato proprio ad attaccare questo sistema operativo.

L’introduzione di questo antivirus da parte di Apple va contro alcune affermazioni della stessa azienda rilasciate nel dicembre 2008 (news), dove si affermava che i propri sistemi operativi erano intrinsecamente sicuri, salvo poi confermare che:

“I computer Mac integrano tecnologie proprietarie in grado di fornire sufficiente protezione da software malevolo, così come vengono venduti, in ogni caso, poiché nessun sistema può essere definito sicuro al 100%, installare applicazioni antivirus sui nostri prodotti può contribuire ad innalzare il livello di protezione totale del sistema”

Alcuni analisti però hanno obiettato che la maggiore sicurezza dei vari OS di Apple deriva anche da una minore diffusione sul mercato, e quindi da un minore interesse, da parte di malintenzionati, di investire tempo e risorse per creare codice malware.

Apple, sul sito ufficiale, presenta Grand Central Dispatch (GCD), ovvero un insieme di tecnologie dedicate agli sviluppatori di programmi ed in grado, se ben utilizzate, di fare in modo che il sistema operativo si incarichi di gestire i vari thread attivi, cosi da indirizzare l’esecuzione dei programmi ai core disponibili della CPU. In questo modo l’esecuzione delle applicazione  non viene rallentata e si possono sfruttare realmente i processori multicore di nuova generazione.

L’upgrade dalla versione precedente costa € 29, mentre è  gratuito per chi è in possesso di un sistema Apple acquistato nelle ultime settimane, si pacheranno solo le spese di spedizioni pari a € 9,95.

Discutine sul forum

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati