In 2 miliardi online entro il 2013

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Internet, 2013. Entro quella data circa 2,2 miliardi di persone saranno in grado di connettersi quotidianamente alla rete in tutto il mondo. Grazie al costante sviluppo tecnologico infatti sono sempre di più le persone raggiunte dalle infrastrutture che rendono possibile il servizio e, soprattutto, calano i prezzi e diminuisce la discriminante che da luogo al digital divide. Anzi, secondo uno studio recente, a fare da traino a questo aumento vertiginoso saranno proprio i paesi emergenti, soprattutto l’Asia con Cina e India in testa, ma anche Brasile e alcuni paesi africani.

La società di ricerca statunitense, Forrester Research, ha condotto uno studio intitolato “Global Online Population Forecast, 2008 to 2013″ da cui risulta appunto che l’incremento totale della popolazione di internauti sarà pari a ben il 45 %, col primato che andrebbe al continente asiatico che si stima possa raggiungere il 43 % dell’utenza totale online.

Negli USA il ritmo di crescita prospettato sarà invece del 3 % annuo e dovrebbe portare in 5 anni la popolazione connessa dall’attuale 73 % all’82. Ma ci sono nazioni che faranno molto meglio. Ad esempio il continente africano dovrebbe vedere un raddoppio della popolazione connessa, che passerà da 111 milioni a 224, mentre la Cina farebbe segnare un incremento pari a ben l’11 % annuo, seguita da altri paesi come India, Indonesia e Pakistan, mentre per quanto riguarda l’Europa, sarebbe anch’essa trainata dai mercati emergenti, come ad esempio Russia e Turchia, che vedranno entrambe un aumento di 8 punti percentuali ogni 12 mesi.

I dati resi pubblici in questi giorni confermerebbero tra l’altro uno studio analogo dell’anno scorso, di un altro ente di ricerca americano, Jupiter Research, secondo cui entro il 2012 un quarto della popolazione mondiale sarà connesso ad Internet. Ma il dato più importante che emerge non sono i numeri in sé, quanto il fatto che, per la prima volta, saranno i paesi emergenti a fare da traino a questo aumento esponenziale, facendo crollare le teorie sul digital divide, almeno a livello macroscopico, ossia tra paesi ricchi e poveri (mentre è facile che resti comunque quello sociale all’interno di qualsiasi paese, tra ceti sociali ricchi e poveri) ed affermando con forza un nuovo ruolo per queste nazioni.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati