Social network geo referenziati: Microsoft scende in campo

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Si chiamano social network geo referenziati e, da noi, sono ancora poco conosciuti, ma negli Usa alcuni servizi basati su tale tecnologia si stanno diffondendo piuttosto rapidamente. In poche parole si tratta di un software che rende possibile conoscere la posizione degli altri utenti che usano lo stesso programma all’interno di una zona di determinate dimensioni e di contattarli per svago ma anche in caso di pericolo: un servizio nato sull’onda delle devastazioni causate dall’uragano Katrina.

Se infatti all’epoca fosse esistita una rete sociale di questo tipo sicuramente si sarebbe generato un passaparola in tempo reale che avrebbe potuto salvare molte vite. Avendo questo in mente, ma non solo, Microsoft ha creato Vine, un programma attualmente in test presso alcuni utenti di Seattle e che non sarà disponibile prima di qualche altro mese.

Vine offre, rispetto ai colossi attuali dei social network, come Myspace, Facebook o Twitter, se vogliamo inglobare anche il micro blogging nella categoria, l’indubbio vantaggio di poter entrare fisicamente in contatto con i componenti della propria rete quando si è presenti in una stessa zona, il chè porta l’interazione a un altro livello.

Il social networking geo referenziato è indubbiamente uno degli sviluppi più promettenti del Web 2.0, anche grazie alla continua diffusione degli smartphone, che permettono dunque una connessione mobile, in modo da poter usufruire di questo tipo di servizi in modo più dinamico (Vine ad esempio sarà aggiornabile anche tramite mail ed SMS, così da poter garantire la propria funzionalità anche appunto in caso di cataclismi), ma Microsoft non arriva di certo prima, anche se ha un indubbio vantaggio sui principali competitor della scena. Google infatti offre un servizio equivalente già da febbraio, chiamato Latitude, ma esiste anche una start-up italiana, MobNotes che, attraverso il sito e un’applicazione per iPhone e cellulari Android, permette di creare dei post-it virtuali da attaccare su una mappa “sociale”, condivisa tra i vari utenti.

Insomma, il social network continua ad evolversi, avvantaggiandosi anche delle nuove tecnologie mobili, continuando così ad aprire nuovi orizzonti agli utenti che si riappropriano dei propri spazi e della vita sociale, ormai non più solo virtualmente tramite il PC, ma anche nel mondo reale, che paradossalmente proprio le tecnologie, da tanti tacciate di generare alienazione, stanno collaborando a riumanizzare.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati