Let’s Pizza: quando la tradizione diventa innovazione

Gadget e Hi-Tech     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Per tutti gli amanti della pizza è arrivato Let’s Pizza, il primo distributore automatico che sforna la tanto famosa e amata pietanza, sempre e dappertutto.

Non scongela e riscalda pizzette surgelate, come facilmente si sarebbe portati ad immaginare, ma crea in realtà, sotto i vostri occhi, una pizza vera con vari ingredienti, tutti rigorosamente freschi, come farebbe un vero e proprio pizzaiolo. 

La macchina, infatti, prepara l’impasto mescolando acqua e farina in un tamburo che ruota ad alta velocità, spiana la pasta con una pressa, aggiunge i vari condimenti scelti dal cliente e, infine, cuoce il tutto in un forno a raggi infrarossi; dopo neanche tre minuti la pizza è pronta per essere servita al consumatore su un apposito vassoio di cartone. Con Let’s Pizza non serviranno più ore di lievitazione, perché in appena 3 minuti la vostra pizza sarà pronta per essere mangiata!

Detto ciò, molto probabilmente vi sentireste di presumere che l’idea di questo progetto sia partita da qualche ingegnere americano, diretta a qualche fast food d’oltre oceano, ma vi sbagliereste! In realtà la sua origine proviene direttamente dal Bel Paese, grazie agli studi condotti presso l’Università di Bologna. Let’s Pizza nasce nientemeno che a Rovereto ed il suo inventore si chiama Claudio Torghele.

Sicuramente questo distributore automatico che impasta, cuoce e serve la pizza in meno di tre minuti, rappresenta un nuovo modo di mangiare la pizza: pratico, veloce ed economico, ma il suo gusto può equiparare quello della tradizionale pizza, nata, plasmata e massaggiata dalle abili ed amorevoli mani di un pizzaiolo napoletano?

Le nostre perplessità su Let’s Pizza ci portano anche a riflettere su ciò che la pizza rappresenta nel nostro Paese: da sempre è presente una sorta di identificazione tra pizza ed Italia, originata dalla tradizionale arte del saper fare la pizza, motivata dalla passione che lega il nostro territorio a questo semplice ma tanto amato prodotto. Pensare che una macchina possa, tramite un processo meccanico, eguagliare in tre minuti ciò che deriva da anni di tradizione, abilità e passione, ci lascia un velo di tristezza, perché noi, veri amanti della pizza, siamo convinti che non basta saper mescolare i vari ingredienti e stendere l’impasto per realizzare una vera napoli: ci vuole anche, e soprattutto, tanta abilità e passione per fare la differenza.

Per ora c’è un locale a Rovereto provvisto di Let’s Pizza, ma l’idea è quella di inserirla nei classici luoghi provvisti di distributori automatici, come centri commerciali, stazioni, aeroporti e forse chissà, un giorno finirà persino per occupare un posto vicino alla storica macchinetta del caffè degli uffici, ispirando magari qualche nuovo programma televisivo.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:
  • Nessun articolo correlato

6 Commenti

  1. Darlington

    Più che altro, avendo una vaga idea della manutenzione che viene fatta ai distributori automatici, dei firmware di questi ultimi scritti da cuJo, e della delicatezza che un dispositivo del genere presenta, ho i miei seri dubbi sulla sua effettiva funzionalità…

    Bella idea, ok, ma piuttosto che il classico rifornimento ogni due giorni o settimanalmente, come i classici distributori automatici, temo ci vorrebbero degli interventi di controllo, ingrassaggio delle guide, e pulizia di varie parti mobili, effettuati con la medesima periodicità. Tutto che ovviamente andrà poi a ricadere sul costo di gestione, quindi anche del prodotto.

  2. Augusta

    …Sarà buona?
    Io ho provato il distributore Pizzaly, in Sicilia..La pizza era davvero ottima!

    http://www.comunicati-stampa.eu/comunicati-stampa/novita-mondiale-pizzaly-l%E2%80%99innovativo-distributore-automatico-di-pizza/

  3. mappet

    chissà che usano al posto del lievito, quelli istantanei in genere cambiano sapore rispetto al lievito di birra o al lievito naturale.

  4. marty

    sapreste x caso dirmi in ke locale è let’s pizza a rovereto??
    sono proprio curiosa di assaggiare la sua pizza………..

  5. marty

    sapreste dirmi dove la trovo let’s pizza a rovereto?? in ke locale è stata messa?? :)

  6. Alberto

    il let’s pizza l’ho trovato vicino a Lecce..ma non era funzionante, sembrava inceppato..a Rovereto non so!

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati