Skype for SIP, ora si punta al business

Web e Business     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

La compagnia Skype è sotto gli occhi di tutti negli ultimi tempi, impegnata com’è a sfornare sempre nuove soluzioni e mostrando una prolificità sempre maggiore, lanciandosi in vari segmenti di mercato con prepotenza e ampliando continuamente i servizi già in essere.

 

Questa volta parliamo del rinnovato client in versione aziendale dedicato ai centralini PBX (Private Branch Exchange) strutturati su protocollo SIP (Session Initiation Protocol).

Proprio da quest’ultimo nasce quindi il nome della nuova soluzione, Skype for SIP, che, a differenza del già noto Skype for Business, sarà in grado di mettere in condizione gli utenti di utilizzare i normali telefoni presenti nell’ufficio senza il bisogno di interfacciarsi prima con un PC, eliminando quindi l’interfaccia software classica  a cui siamo abituati per gestire il tutto in maniera trasparente e invisibile all’utente.

Grazie a Skype for SIP si potranno effettuare chiamate VoIP a 2,1c/min (in dollari) verso linee fisse e mobili, gratuite come al solito invece per quelle Skype-to-Skype. Sarebbe pronta anche una versione italiana che uscirà nel corso dell’anno.

Vengono in mente però alcuni dubbi sulla sicurezza delle trasmissioni su protocollo SIP, essendo impossibile effettuare chiamate anonime per via della sua struttura, e sul fronte della crittografia, limitata a quella hop-by-hop che potrebbe non suscitare troppi entusiasmi in reti particolarmente “ad alto rischio”. Sono al vaglio soluzioni SIP con crittografia end-to-end per evitare la trasmissione in chiaro dei flussi, che si espongono quindi a pericolose intercettazioni, ma resta da vedere quanti saranno propensi ad implementarle visto che si tratta di sistemi facoltativi e non proprietari, dato che rispettano la natura aperta di SIP.

Sicuramente Skype for SIP potrà essere una valida scelta per qualcuno, ma non per tutti. Dove è necessario un controllo maggiore sulla sicurezza e la gestione degli utenti e della privacy, a meno di non effettuare pesanti customizzazioni, si rischia di non centrare l’obiettivo aziendale, limitandolo per forza di cose ad un pubblico SoHo con minori pretese. D’altronde IM e client VoIP non sono mai stati troppo apprezzati nel settore business proprio per questi motivi che fino ad oggi ne hanno limitato pesantemente la diffusione in favore di applicazioni progettate ad hoc.

Chissà se il client di eBay riuscirà ad inserirsi con forza in questo settore così come ha fatto in quello domestico. La release è vicina ma giovane e potrebbe ancora essere modificata e adattata per andare maggiormente incontro alle esigenze di mercato, tuttavia è sempre aperta la possibilità di future implementazioni di feature più consone al segmento business, fermo restando che bisognerà aspettare per vedere i primi dati di gradimento, o meno, da parte delle aziende.

C’è anche da dire che questa soluzione in effetti non è così nuova, dato che esistono diverse apparecchiature, sia hardware che software, in grado di fare da gateway tra Skype e SIP, ma la loro diffusione non è ancora così ampia come ci si aspettava all’inizio, vedremo se una release proprietaria del colosso del VoIP rimischierà le carte in tavola.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati