Luce Verde per Roma

Ecologia e Risparmio Energetico     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Secondo un’indagine dell’Automobile Club d’Italia i romani ed i milanesi trascorrono circa 500 ore sulle strade congestionate della propria città per una spesa di circa 40 miliardi di euro l’anno.

 

Già nell’aprile del 2002 secondo una ricerca effettuata dalla ”Fondazione Filippo Caracciolo” gli abitanti di 495 Comuni italiani sono sottoposti ad una situazione di stress quotidiano, dovuta all’uso troppo elevato della propria automobile.

Il presente studio ha mostrato che negli ultimi 10 anni la popolazione ha spostato la propria abitazione dai centri storici alle periferie, pur continuando a lavorare nel cuore della città; ciò ha comportato un uso sempre più frequente dell’automobile, giustificato anche dal fatto che non sempre le periferie sono ben collegate al centro con i mezzi pubblici.

Va considerato, inoltre, che sempre più italiani lasciano i piccoli paesi di origine per trasferirsi nelle grandi città e se a questi ci aggiungiamo anche il numero degli stranieri che vengono a vivere nelle metropoli italiane, ci rendiamo conto che nei capoluoghi come per esempio Roma e Milano ci sono sempre più persone che alimentano il traffico urbano.

Sempre dalla ricerca effettuata dalla ”Fondazione Filippo Caracciolo”, è emerso che le persone over 64 sono soliti usare l’autovettura anche per piccoli spostamenti; considerando che le speranze di vita si stanno allungando, ci saranno sempre più over 64 che contribuiranno alla congestione del traffico, così come tenderà ad aumentare il numero dei patentati.

Ma che si può fare per alleviare lo stress dei cittadini e per non alleggerire troppo le loro tasche?

A Roma, dalla collaborazione tra Aci e polizia municipale, è stato ideato ed attivato il progetto “Infomobilità – Luce Verde”, che comunicherà aggiornamenti in tempo reale sulla situazione della viabilità nella capitale.

Tutte le informazioni verranno prima raccolte e verificate da oltre 6.400 uomini della polizia municipale attraverso l’uso di 50 telecamere, posizionate accuratamente nei punti nevralgici, poi verranno trasmesse in tempo reale alla centrale dei vigili urbani ed a quella di infomobilità, che, a loro volta, le collocherà in un documento visivo o testuale per aggiornare in tempo reale i cittadini sulla situazione del traffico nella capitale.

Gli automobilisti conosceranno, così, com’è la viabilità nelle strade romane e verranno informati sulle cause di rallentamento, come incidenti, cortei e lavori. Diffondere tali informazioni in orari prestabiliti sarà compito di una TV locale, 2 agenzie radiofoniche, 2 radio nazionali (tra cui Isoradio Rai) e 19 locali, in più sarà possibile consultare l’apposito sito www.roma.luceverde.it per essere sempre aggiornati sulla situazione del traffico e per poter pianificare il proprio percorso considerando eventuali code o rallentamenti.

«E’ la prima esperienza cittadina di infomobilità in Italia – ha affermato il sindaco Alemanno – ed è a costo zero per l’amministrazione. Disporre di informazioni dettagliate in tempo reale può migliorare la circolazione e la qualità della vita».

Tale progetto, infatti consente di ridurre la congestione urbana del 40%, con un risparmio economico per ciascun automobilista di 260 euro all’anno.

«Luce Verde è una iniziativa unica in Italia – ha evidenziato il presidente dell’ACI Enrico Gelpi – e rappresenta un modello di collaborazione da replicare sul piano nazionale. Sono state superate tutte le criticità che hanno limitato l’efficacia di molti canali informativi sorti in questi anni e dedicati alle condizioni del traffico nei centri urbani. La gratuità del servizio e le enormi potenzialità della Centrale pongono Roma tra le città più avanzate in Europa per le informazioni sulla viabilità, con benefici diretti per la sicurezza stradale, l’ambiente, la qualità della vita e l’economia».

Questo progetto sembra molto interessante perché gli automobilisti, informati sulle eventuali code lungo il loro tragitto, potranno decidere di prendere un percorso alternativo che comunque li conduca alla stessa destinazione. Evitare una coda fa risparmiare tempo e, si sa, di tempo oggi ce ne è sempre meno, tende a migliorare la vita degli automobilisti, fa risparmiare denaro, perché guidare nel traffico comporta un consumo maggiore di carburante. Passare ore al volante, con un piede ora sul freno ora sull’acceleratore, passare ripetutamente dalla prima alla seconda marcia e poi di nuovo dalla seconda alla prima è fonte di enorme stress, e lo stress è dannoso per la salute dell’uomo. Una circolazione spedita migliora la vita in ogni senso, l’uomo si sposta con più agio, risparmia carburante e riduce le emissioni così dannose per sé e per l’ambiente.  

 

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. fedcas

    tipo google maps nelle città statunitensi

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati