Tutti contro Skype: bisogna poter intercettare

Web e Business     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Non è la prima volta che succede, già in passato c’era stata una richiesta ad Eurojust da parte degli organi di polizia, finita comunque in un nulla di fatto. Stavolta invece la proposta viene dall’Italia, che ha chiesto alla commissione europea il permesso di trovare una soluzione per intromettersi nelle chiamate effettuate tramite il popolare software di VoIP, Skype.

Skype

Continua quindi la linea, iniziata nel 2006 dal MIT di Boston, secondo la quale Skype dovrebbe rilasciare pubblicamente il suo codice per permettere di penetrarvi da parte delle autorità competenti, in modo da avere un’arma in più contro la cybercriminalità sempre più diffusa.

Questa volta la motivazione ufficiale è la lotta alla mafia che sta cominciando ad evolversi, passando dai pizzini alle chiamate VoIP, diventando sempre più pericolosa grazie alle nuove tecnologie informatiche. Tramite Skype infatti è possibile effettuare chiamate criptate senza possibilità di intercettazione da parte delle forze dell’ordine, oltretutto, essendo un’architettura basata sul peer-to-peer, è difficile anche solo capire chi sono gli utenti che in quel momento sono impegnati in una conversazione.

Si è arrivati a pensare anche a soluzioni quantomeno bizzarre se non del tutto insensate, come introdurre un trojan appositamente studiato sui PC delle vittime da intercettare, ma la società lussemburghese per ora nega ogni possibilità di apertura alle richieste della comunità europea come in passato ha fatto anche oltreoceano.

Ma è stato sempre così? Non proprio. Non molto tempo fa qualcuno ricorderà lo scandalo avvenuto quando si seppe che Skype, assieme a Tom Online, filtrava e controllava tutto il traffico VoIP in Cina. In quel momento tutto il mondo occidentale gridò alla censura ed alla violazione dei diritti umani, ma sembra che quando i guai riguardano casa nostra questa tesi sia prontamente messa in secondo piano per la tutela della “sicurezza innanzitutto”. Skype d’altro canto rispose che era stata obbligata a conformarsi alle leggi locali per non perdere, aggiungiamo noi, uno dei clienti più importanti nel panorama mondiale assieme ad USA e Germania.

Entrambe le posizioni non sembrano così rigide come vogliono far credere a questo punto, ma pronte a cambiar bandiera in nome degli interessi di mercato o, nel nostro caso, dell’elettorato. Coerenza a parte, non è facile prendere una posizione netta all’interno di questa diatriba. La sicurezza e la lotta alla mafia sono certo scopi nobili e che interessano la vita di tutti i cittadini, ma altrettanto importante è il diritto alla privacy ed il fatto che Internet è considerato come l’ultimo baluardo della libertà personale, una terra di nessuno che in molti però non vedono l’ora di conquistare.

La legislazione su Internet prima o poi ci sarà sicuramente, ma il rischio è che si ecceda con misure restrittive snaturando il concetto stesso del Web, riducendola ad una rete ipercontrollata dove il Grande Fratello di turno detterà le regole, entrando in quell’ottica di incubo tecnologico che tanto mette paura all’utenza di tutto il mondo.

Nel mentre si aspettano ulteriori sviluppi di questa vicenda, che si sia a favore o contrari, l’unica speranza è che le misure da adottare vengano prese con saggezza, non per interesse di facciata, ma nel rispetto di quelli che sono i diritti di tutte le innumerevoli persone che compongono il popolo del Web.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Un commento

  1. gherrison

    La cosa ridicola del governo italiano è che qui in casa fa casino per evitare le intercettazioni, mettendo il bavaglio alla polizia, mentre in europa propone l’esatto contrario…

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati