Sant’Anna BioBottle, la prima bottiglia che piace all’ambiente

Ecologia e Risparmio Energetico     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Dopo un anno di sperimentazione, dal 29 novembre è in vendita presso tutti gli ipermercati Ipercoop d’Italia, la nuova Sant’Anna BioBottle, la prima bottiglia al mondo da 1,5 litri realizzata al 100% in plastica vegetale anziché derivata dal petrolio.

Questa innovazione presenta dei risvolti non indifferenti, sia per quanto riguarda il risparmio energetico che la riduzione dell’inquinamento: basti pensare che 650 milioni di bottiglie Sant’Anna Bio Bottle permetterebbero un risparmio di 176.800 barili di petrolio, quanto basta a scaldare per circa un mese una città di 520.000 abitanti, inoltre, la riduzione di emissioni di anidride carbonica può essere paragonata a quella che occorrerebbe ad un’auto per compiere il giro del mondo per 30.082 volte in un anno.

La Sant’Anna BioBottle non ha bisogno di attenzioni particolari da parte del consumatore e assicura lo stesso risultato delle tradizionali bottiglie di plastica; una volta utilizzato il prodotto basta gettarlo nell’apposito cassonetto tra i rifiuti organici, avviando così il trattamento di compostaggio. Si tratta di una biodegradazione controllata, effettuata in ambienti dove temperatura e tassi di umidità determinati accelerano il processo rispetto a quanto avverrebbe in modo del tutto naturale.

A breve anche in versione da 0,5 litri, la BioBottle rappresenta sicuramente una novità interessante per la salvaguardia dell’ambiente, potendo ridurre di molto le emissioni inquinanti derivanti sia dalla produzione che dallo smaltimento del prodotto. La particolare realizzazione in plastica vegetale Ingeo permette a questa bottiglia di essere gettata, alla fine del suo ciclo di vita, direttamente nei contenitori di smaltimento per materiali organici e non in quelli per materiali plastici. Una volta gettata, sarà quindi cura delle aziende preposte al controllo dei rifiuti, indirizzarla verso siti di stoccaggio e compostaggio appositi per lo smaltimento, che avverrà in circa 80 giorni non lasciando scorie dannose per l’ambiente.

Un prodotto ecologico, utile, pratico e , per una volta, tutto italiano, cosa che di certo non guasta. Speriamo solo che non rimanga l’ennesima trovata pubblicitaria a cui purtroppo non verrà dato un seguito, ma che diventi in breve tempo uno standard anche per altri produttori. L’attenzione per l’ambiente spesso passa in secondo piano davanti alle esigenze di mercato ma, come dimostra questo prodotto, non sempre le due cose non sono conciliabili.

Se l’idea venisse presa in considerazione nel settore si potrebbe assistere ad una rivoluzione anche in tutto il settore degli imballaggi e dei metodi adatti al loro smaltimento, cosa che porterebbe di certo a grossi vantaggi sul piano della riduzione delle emissioni e delle scorie dannose per il nostro pianeta. Per un mondo più pulito la differenza può essere fatta anche dalle piccole cose, basta anche una bottiglia d’acqua.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

3 Commenti

  1. Pidol

    Se permettete un appunto, l’acqua dal rubinetto è sicuramente ancora più ecologica. Salvo in posti dove è specificamente indicata come non potabile o inquinata, basta riempire bottiglie di vetro e metterle in frigo per avere acqua identica o superiore a quella di bottiglia del supermercato. Il tutto spendendo meno e non inquinando.

  2. Stefano

    Per assurdo diventerebbe inquinante nei confronti della plastica. Mischiando questo genere di bottiglie con quelle comuni se ne comprometterebbe il riciclaggio.

  3. Adelmo

    L’idea mi sembra buona ho però due punti interrogativi:
    1° I contenitori di organico sono piccoli ed anche se le bottiglie vengono compresse il loro quantitativo da smaltire è notevole.
    2°Il ricavare le bottiglie “DALLE PIANTE “non comporta problemi di deforestazione?
    Buon lavoro

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati