L’Unione Europea contro i caricabatterie

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Quante volte vi è capitato di dover caricare il cellulare, magari a casa di un amico che ne ha uno diverso, scoprendo che non potete farlo perché il suo caricabatterie non è meccanicamente compatibile col vostro cellulare? Scomodo vero? Ma non è l’unico problema: ogni volta che cambiate cellulare buttate sicuramente via anche il caricabatterie, sempre per lo stesso motivo, anche se magari avete comprato un modello nuovo della stessa marca precedente. Tutto questo significa spreco e inquinamento inutile. E la UE non ci sta più.

Marco Cappato, europarlamentare radicale, ha proposto su questo argomento un’interpellanza che ha fatto riflettere sul problema. Siamo costretti, senza alcun motivo plausibile, a cambiare caricabatterie a ogni nuovo modello, a volte anche tra modelli della stessa marca, che cambia i connettori senza alcuna giustificazione tecnica. Inoltre, come detto prima, con l’attuale tipo di caricabatterie avere l’interoperabilità tra prodotti di brand diversi è impossibile e tutto ciò al solo fine di produrre e vendere questi accessori, il che però purtroppo significa anche consumarli e buttarli, senza riciclarli, andando quindi ad aumentare inutilmente il numero già cospicuo di rifiuti elettrici ed elettronici, per altro assai inquinanti.

Secondo uno studio dell’Istituto Nazionale del Consumo, condotto tra novembre e gennaio 2006, ogni venti mesi sono buttati nella sola Francia tra i 48 e i 51 milioni di caricabatteria per telefoni cellulari. I burocrati hanno quindi riflettuto su quest’aspetto magari non appariscente, ma senza dubbio grave e hanno deciso che effettivamente la cosa è priva di senso e si sono messi a cercare un’alternativa.
“Nel settore dell’armonizzazione dei caricabatteria dei telefoni cellulari, esistono già o sono in fase di sviluppo numerose norme”, dice il commissario europeo all’Industria Günter Verheugen, che però aggiunge che in passato i produttori “si sono dimostrati riluttanti ad attuare pienamente queste norme nelle rispettive serie di prodotti”, adducendo come spiegazione tecnica che il dispositivo dedicato offriva garanzie di sicurezza sul potenziale caricamento eccessivo delle batterie, cosa che può invece accadere utilizzando un caricatore sbagliato. Sicuramente una spiegazione parziale, dato che al massimo giustifica la mancata interoperabilità tra prodotti di aziende diverse, ma non spiega per quale motivo a ogni cambio di modello interno spesso corrisponde comunque un cambio del connettore. Inoltre tale scusa non avrebbe più molto senso se si passasse all’USB come connessione per ricaricare il cellulare.

Questa è infatti la soluzione più semplice e plausibile al problema e, per spingere le aziende in questa direzione, a Bruxelles stanno preparando due iniziative complementari: da una parte l’Associazione europea delle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (TIC) è stata invitata a preparare una posizione comune per la fine del 2008, che dovrebbe basarsi sull’USB, ma in via informale, giacché non esistono al momento norme ufficiali europee adeguate in questo settore. La Commissione sta quindi parallelamente elaborando anche un mandato ufficiale di normalizzazione, che sarà sottoposto alle parti interessate e quindi inviato alle organizzazioni europee di normalizzazione (OEN) nel 2009. Bisognerà quindi attendere che le OEN mettano a punto le norme necessarie e poi sarà finalmente possibile raggiungere un’armonizzazione effettiva delle interfacce e dei caricatori.

Così magari per il prossimo Natale ricaricare l’infernale aggeggio sarà più semplice.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

5 Commenti

  1. spalanca

    usb per ricaricare il cellulare mi sembra una mossa giusta, ma sebbene in casa girino da 3 anni ormai cellulari con tale presa, abbiamo comunque 3-4 caricabatterie con presa usb, di cui solo 1 è utilizzato, e gli altri sono sprecati.

    direi che oltre a standardizzare la presa (usb) dovrebbero mettere il caricabatterie come accessorio gratuito che è possibile avere sia con il cell nuovo, sia in un secondo momento, magari quando quello vecchio si è rotto e bisogna sostituirlo.

  2. fedcas

    anche non gratuito, potrebbero fare tipo con le fotocamere: se è la tua prima reflex compri il kit, quando la cambierai avendo già le ottiche compri solo il corpo macchina. E naturalmente all\’occorrenza si può sempre comprare a parte il caricatore. Non sarebbe male così magari si risparmia anche qualche € sul prezzo del cellulare…

    e non sarebbe male spingere verso l\’usb così la smettono di mettere quegli odiossissimi connettori proprietari, in un colpo solo standardizzano sia quello per l\’alimentazione che quello per la connessione dati. A meno che non arrivino a mettere l\’usb per ricaricare e un connettore proprietario per i dati :asd:

    nokia per fortuna è sempre stata abbastanza corretta, connettori per l\’alimentazione coassiali standard (credo che anche quelli piccoli siano standard, anche se sono abbastanza introvabili) e spesso connettore usb per i dati

  3. davide

    speriamo che si vada nella giusta direzione ma, visto che la politi è da sempre asservita agli interessi delle multinazionali, nutro dei dubbi.
    Sarebbe giusto cambiare le cose quando non funzionano…ovvero se non va il cell cambio quello se non va l’alimentatore cambio l’alimentatore, credo sia necessaria un’azione di forza da parte dell’UE il caricabatterie uguale per tutti e poi ognuno si scelga il tel che gli pare. Il discorso si potrebbe estendere anche ai vari cavi etc…

  4. tutto sui caricabatterie

    avrebbe davvero senso standardizzare i caricabatterie!! nelle case degli italiani ce ne sono ormai svariati e di tutti i tipi…un bello spreco inutile!

  5. Pippo

    Per gli alimentatori già venduti si possono usare degli adattatori.
    Immagino per esempio un adattatore jack nokia – usb da fornire insieme al nuovo prodotto per chi già possiede un alimentatore.

    Per gli altri alimentatori si potrebbero ritirare nei supermercati dove una volta applicato il nuovo connettore vengono ridistribuiti.
    La sostituzione potrebbe costare qualche euro.

    Ci sono altre cose da standardizzare, per segnalarle al Parlamento Europeo si può utilizzare questo canale http://www.consultazioni-europee-dei-cittadini.eu

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati