Aiko: la partner ideale? E’ un robot

Gadget e Hi-Tech     Autore: Luigi Mango Aggiungi un commento

Prima o poi ci dovevamo arrivare, è inutile stupirsi.

Le Trung è un giovane scienziato di 33 anni, giapponese di origine ma canadese d’adozione, non avendo tempo (a suo dire) di cercarsi una partner reale, non ha trovato meglio da fare che crearne una lui, una sorta di geisha robot alla quale ha dato il nome di Aiko.

Aiko è alta 152 cm, ma il suo creatore (è il caso di usare questo verbo), non ha lesinato sulle altre misure, da cui si evince un buon gusto estetico: petto 82 cm, vita 57 cm e fianchi 84 cm. Il drone è stato costruito in due anni di lavoro, è costato circa 15.000 euro, per far fronte all’investimento, Trung ha venduto la propria automobile ed ha chiesto un prestito alla banca.

Alla presentazione al pubblico, Trust ha detto in modo fiero: non mangia, non dorme, parla solo se le è richiesto e, tra le altre cose, riesce a simulare un orgasmo pur non essendo una bambola dedita a scopi sessuali.

Le altre doti sono poi davvero interessanti: sa riconoscere i volti di 250 persone, è in grado di parlare in giapponese ed inglese, ha un volcabolario di circa 13.000 frasi, riconosce i colori, il piatto ed il drink preferito del suo costruttore e sa reagire con uno schiaffo se viene abbracciata con troppa foga, cosi come è in grado di reagire se toccata in punti specifici (quali non è dato di sapere).

Ora, possiamo pensare qualunque cosa dello scopo di Aiko, ma dal punto di vista tecnologico va comunque apprezzato lo sforzo ed i risultati raggiunti. Il robot è in grado di interagire con l’ambiente, il software è programmabile e, probabilmente, con investimenti maggiori, si potrebbe ottenere molto di più.
Per costruire la pelle, Trung ha utilizzato del silicone e come caratteri somatici ha preso come riferimento quelli delle ragazze nipponiche, molto giovani tra l’altro, visto che lui stesso ha ammesso che Aiko ha circa 20 anni, ci viene da pensare ai manga come fonte di ispirazione.

Se consideriamo l’esperimento dal punto di vista etico, pur senza entrare in discorsi filosofici, provo una sorta di tristezza per Le Trung. La scusa che non ha tempo per coltivare una relazione non può essere la vera causa della sua solitudine, a meno che non vogliamo vederci una pura mossa di marketing, e ci starebbe pure visto che ora sta cercando aziende che possano finanziare il suo progetto su ampia scala.

Vedremo se la sua richiesta verrà accolta e, in tal caso, non stupiamoci se tra un decennio ci troveremo una Aiko per casa, tanto non parla, non si stanca ecc ecc.

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati