Ostaggi a vita dei social network?

Web e Business     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

I social network, si sa, sono ormai una realtà sociale prima che tecnologica, indiscutibile per diffusione e come fenomeno di massa. Sicuramente anche voi che state leggendo avete un account su Facebook, My Space o Live Spaces o comunque conoscete qualcuno molto vicino a voi, amico o parente, che ne ha sicuramente uno. Attualmente infatti sono centoventi milioni nel mondo i soli iscritti di Facebook, senza contare tutti gli altri. Normalmente si tratta di un servizio molto valido, che permette di creare vere e proprie reti sociali appunto, basate su interessi comuni ad esempio, o di rincontrare amici e parenti lontani con cui potersi tenere in contatto costante. Ma se aprire un account è un’operazione facilissima, cosa succede invece se, per un qualsiasi motivo, dovessimo decidere che ci è necessario cancellarlo?

L’esperienza vissuta all’inizio di quest’anno da Nipon Das, manager americano trentaquattrenne, è illuminante in merito e se la si definisce “kafkiana” non si fa di certo un torto al grande scrittore. La persona in questione ha a un certo punto deciso di cancellare il proprio account dal popolare sito e, in questa maniera, è incappato in uno di quei bug tecnologici che, una volta coperti, danno parecchio da riflettere. Seguendo le istruzioni presenti sul sito infatti, il signor Das ha potuto eliminare i dati dell’account (ma non l’account stesso, che risulta ancora raggiungibile, benché vuoto), ma non ha potuto cancellare i propri dati dal database di Facebook, che conserva nei suoi archivi copia di tutti gli account, a prescindere dal loro stato.

Secondo i dirigenti del social network si tratta di un’accortezza nei confronti degli utenti, poiché un account disattivato può essere riattivato in qualsiasi momento, mentre i più maliziosi sostengono che Facebook abbia interesse a costruirsi enormi banche dati che, nella società dell’informazione, costituiscono un patrimonio economico non indifferente e assai spendibile sul mercato, il tutto ovviamente all’insaputa dei propri clienti.
Mark Zuckerberg, fondatore di Facebook, dopo la burrasca scatenatasi a causa di questo “caso”, ha fatto sapere che si sta attivando per velocizzare le procedure (attualmente assai macchinose e lunghe) che permettono a un utente di richiedere la totale cancellazione dei propri dati dai server tramite l’eliminazione fisica di indirizzi mail, foto, dati personali e quant’altro; nel frattempo però cancellare i propri dati costituisce ancora un’operazione più complessa che inserirli.

Insomma, pare proprio che il futuro ci riservi di essere “prigionieri” virtuali dei database che, dietro la facciata giovanilistica e leggera di questo o quell’altro sito, ci ingannano invitandoci a inserire i nostri dati personali di nostra stessa volontà, ignorandone però gli usi, spesso molto redditizi, che se ne possono fare alle nostre spalle. Forse Orwell si è sbagliato solo in una cosa nel suo 1984 e cioè che “Il Grande Fratello” non ha bisogno di metodi arcigni e scopertamente dittatoriali per controllare le nostre vite: basta invece una home page colorata e amichevole per renderci inconsapevoli carcerieri di noi stessi.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati