Zero emission Rome 2008

Ecologia e Risparmio Energetico     Autore: Luigi Mango Aggiungi un commento

Dal 1° al 4 ottobre, a Roma, è aperta la fiera Zero emission Rome 2008 , un evento di portata internazionale dedicato alla ricerca e sviluppo di energie alternative quali: eolica,  fotovoltaica, all’emission trading, al solare termodinamico, agroenergie, biocarburanti, cambiamenti climatici, al nuovo mercato dell’energia e alla chimica verde.

L’evento vuole anche sensibilizzare l’opinione pubblica su tali argomenti, visto che il nostro Paese, al momento dipende per l’85% dall’estero per quanto riguarda l’approvvigionamento di energia, ma si stima che nel 2020 si potrà arrivare a circa il 90%, una quota effettivamente insostenibile.

La fanno da padroni ancora il petrolio ed il gas, ma non manca il carbone (da poco inaugurata una nuova centrale). Le fonti rinnovabili sono ferme, nonostante gli incentivi statali (almeno sul solare), ad una quota inferiore al 16%.

Il ministro Scajola, responsabile dello Sviluppo economico, ha affermato che il Governo ha messo a punto un piano per raggiungere il 25% di fonti rinnovabili. In futuro, oltre a questa quota. si dovrà contare anche sul 25% di energia prodotta dalle nuove centrali nucleari e dal 50% da combustibile fossile (leggi petrolio, gas e carbone).

“Secondo uno studio realizzato insieme ad ANEV, l’Associazione Nazionale Energia del Vento, il settore eolico ha anche ottime prospettive occupazionali – ha poi spiegato Luigi Angeletti, segretario generale della UIL -. Se il potenziale italiano venisse realizzato, entro il 2020 si creerebbero oltre 66.000 nuovi posti di lavoro”.

A livello globale, il mercato eolico è in forte crescita. “Negli ultimi tre anni è aumentato, per nuova capacità installata, del 145% – ha spiegato Arthorous Zervos, presidente della European Wind Energy Association -. I mercati principali sono in Europa: Spagna, Germania, Danimarca e anche Italia, ma in prospettiva sono destinati a crescere in modo particolarmente significativo Stati Uniti e Cina”.

Tornando alla fiera, questa occupa tre grandi padiglioni gramati: Aria, Terra e Sole,  su un’area di oltre 25.000 metri quadri. Non mancheranno conferenze, workshop e incontri dedicati ai settori merceologici della manifestazione.

E’ stato creato un portale ad hoc, interamente dedicato alle energie rinnovabili, all’efficienza energetica, alla lotta ai cambiamenti climatici e allo sviluppo sostenibile.

Date e orari di ingresso

Da mercoledì 1 ottobre a sabato 4 ottobre 2008, dalle 9:30 alle 18:00

Dove

Nuova Fiera di Roma – Ingresso Est

Fonte immagine

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

7 Commenti

  1. Sergio Della Lena

    Si segnala che attraverso il sito http://www.opac496.it è possibile monitorare la produzione della superficie in pannelli solari montata su una parte delle coperture del Ministero dello Sviluppo Economico

  2. LuX

    “Il ministro Scajola, responsabile dello Sviluppo economico, ha affermato che il Governo ha messo a punto un piano per raggiungere il 25% di fonti rinnovabili.”

    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH! Questa è meravigliosa! :D Lo vorrei proprio vedere sto piano…

  3. carlo

    per LUX: guarda che per arrivare al 25% si deve crescere la quota attuale solo del 9%. O pensi che forse era meglio quando c’era PECORARO SCANIO che di energia rinnovabile avremmo avuto solo quella data dai rinnovi (per questo rinnovabile AHAHAHAH!) dei contratti di fornitura di energia nucleare dalla FRANCIA?
    Lo sai che sono stati bocciati dal precedente governo anche gli impianti eolici a diverse miglia dalla costa….?

  4. krayen

    in ogni caso, devono dare una mano a chi vuole mettere i pannelli solari per la propria abitazione. e per costruire tutto l’impianto.
    ora come ora, la spesa è troppo elevata per dare una reale motivazione (intendo risparmio di denaro in breve tempo e non 15/20 anni) ad un privato….

  5. Luigi Mango

    grazie per la segnalazione Sergio Della Lena.

  6. LuX

    Ma chi ha parlato di Governo? “Solo” il 9%? Hai idea di quanto sia? Lo sai che dal 2006 al 2007 la produzione di energia da rinnovabile è calata di 1 punto percentuale? Lo sai che l’Europa ci vuole al 20% entro il 2020 e ci sono scarse possibilità di raggiungere anche solo questo traguardo? Qui non è questione di politica…

    LuX

  7. francesco

    Che poi, anche parlare di bocciatura del ‘precedente governo’, bisognerebbe vedere che è successo: con la maggioranza esigua del passato Governo Prodi, sarebbe bastato un po’ di insano ostruzionismo a far bocciare un provvedimento di questo tipo, del resto l’allora opposizione era pro-nucleare (e credo lo sia tuttora). Quindi più che ‘sono stati bocciati dal precedente governo’ direi ‘sono stati bocciati dal precedente [b]parlamento[/b]‘ :)

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati