Watermill: acqua potabile dall’umidità dell’aria

Ecologia e Risparmio Energetico     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Non è un concept, è un apparecchio realmente esistente che sarà in vendita tra breve tempo.

Watermill della Element Four, è in sostanza un deumidificatore da esterni che aspira l’aria per ricavarne acqua e, tramite un complesso sistema di filtraggio, fa si che questa sia adeguatamente pura per essere bevuta.

L’idea di realizzare un modello da installare all’esterno dell’abitazione ha un duplice scopo. Il primo è quello di non seccare l’aria all’interno dell’appartamento, prendendola direttamente dal di fuori. Il secondo è che da studi fatti è stato rilevato che l’aria nelle case è spesso più inquinata di quella all’esterno, fino anche al 70%. Comunque sia, il Watermill è stato testato anche in ambienti molto inquinati, riuscendo sempre a restituire un’acqua priva di agenti pericolosi per la salute e perfettamente adatta ad essere assunta dall’uomo.

Nell’atmosfera sono presenti dai 4 ai 25g di vapore acqueo per metro cubo, Watermill può ricavarne acqua per una percentuale che può variare dal 10% al 40%. Questo si traduce in una scorta di acqua potabile massima di 12 litri giornalieri, quantità più che sufficiente per l’alimentazione, specie per certi paesi dove avere anche poche scorte di acqua è un lusso che pochi si possono permettere.

Il Watermill è perfettamente in grado di svolgere il suo lavoro automaticamente senza alcun intervento esterno, può anche regolare la mole di lavoro in funzione della quantità di acqua prodotta, minimizzando il consumo energetico superfluo.

A prima vista sembra un prodotto molto valido, non solo per chi vuole risparmiare un po’ sulla bolletta ma, cosa molto più importante, per chi proprio non può permettersi quello che per altri sembra tanto scontato. Ovviamente in ambiti così particolari come i paesi del Terzo Mondo, il modello attuale non sarebbe una gran soluzione, specie dal punto di vista economico, ciò non toglie che prodotti appositamente progettati potrebbero forse fare la differenza in un ambiente troppo spesso lasciato a se stesso.

Tutto questo “se” Watermill sarà veramente in grado di mantenere le promesse, dato che ancora non è disponibile in commercio. Non solo quindi un oggetto utile per gli utenti interessati all’ecologia e, perché no, a risparmiare  qualcosa sul consumo di acqua, ma anche una risorsa potenziale per situazioni limite dove l’acqua è un bene prezioso… in tutti i sensi.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

7 Commenti

  1. Luigi

    se poi trae la sua energia da pannelli solari è il massimo!

  2. K

    si sa qualcosa della nuova sezione?

  3. Luigi Mango

    quale sezione?

  4. K

    energie alternative e pannelli solari, mi era sembrato che avreste aperto una sezione del genere sul foro…

  5. Matthew

    si ma così non ne esce fuori una roba tipo acqua distillata povera di qualsiasi elemento necessari al corpo umano?
    …. secondo me sarebbe come bere la condensa del condizionatore.

  6. Domenico Schietti

    dicasi serpentina di schietti

  7. Come produrre acqua dall’umidità dell’aria « Feel and Trust

    [...] dal web: blogeko.libero.it pctuner.net jacopofarina.wordpress.com [...]

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati