Il vostro iPod si scarica sul più bello? La soluzione è fare due passi

Gadget e Hi-Tech     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

Passate molto tempo in giro in compagnia del vostro fido lettore MP3 o del cellulare e, proprio per questo, vi capita frequentemente di restare a corto di energia per alimentarlo perché la batteria si è scaricata ma voi non siete ancora a casa? Una compagnia giapponese sta forse sviluppando una soluzione adatta a voi: un modo per ricaricare qualsiasi gadget mobile, semplicemente… continuando a passeggiare!

Il colosso delle telecomunicazioni giapponese NTT (Nippon Telegraph & Telephone Co.) rivela infatti di stare lavorando allo sviluppo di una particolare calzatura che, nelle intenzioni, dovrebbe permettere di ricaricare le batterie dei nostri dispositivi mobili sfruttando il movimento stesso della deambulazione per generare elettricità.

In pratica il funzionamento di queste scarpe futuristiche è basato sull’idea di implementare delle piccole turbine idroelettriche (si, avete letto bene) nelle suole delle scarpe. Ciascuna calzatura è equipaggiata con due serbatoi pieni d’acqua, uno nel tacco e uno nella punta. I due serbatoi sono uniti per mezzo di un condotto e, ad ogni passo, l’acqua passa quindi da uno all’altro attraverso la tubatura, per effetto del movimento e della pressione esercitata.  Il flusso d’acqua creato in questo modo muove una turbina che genera energia elettrica. L’elettricità così prodotta potrà quindi ricaricare una batteria o  essere fruibile per mezzo della connessione a un cavo elettrico.

Attualmente tale dispositivo genera però solamente 1.2 W, appena sufficienti per alimentare un lettore MP3 e, giudicando dalla foto, non è nemmeno particolarmente miniaturizzato. Ma i giapponesi, si sa, non sono tipi da scoraggiarsi facilmente e gli ingegneri della NTT contano di riuscire a rendere tale soluzione commercializzabile già durante il 2010.

“La potenza attuale è sufficiente per alimentare un lettore MP3 portatile fin tanto che chi lo indossa continua a camminare” ci dice Hideomi Tenma, portavoce dell’azienda di telecomunicazioni giapponese. “La compagnia sta cercando di migliorare il dispositivo, aumentandone la capacità di generare elettricità, per portarla fino a 3 Watt, che è la quantità di energia elettrica  necessaria per alimentare un cellulare” aggiunge. “Le scarpe non avranno batterie integrate per conservare l’energia prodotta, ma si dovrebbe essere in grado di caricare un telefono automaticamente o di utilizzarlo  per parlare, finchè si continua a camminare tenendo il cellulare connesso alle scarpe”.

Tutto risolto quindi? Se la passione sfrenata per i gadget tecnologici che caratterizza i giapponesi, popolo di Otaku, potrebbe effettivamente portare delle vendite per tale dispositivo quantomeno originale, non siamo altrettanto convinti che l’elegante italiano sacrificherà l’estetica delle sue calzature pur di poter essere sempre reperibile e poi che dire della preoccupazione che tale soluzione potrebbe creare nel macho latino per quel cavetto elettrico che passerebbe troppo vicino alle sue parti nobili?

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

4 Commenti

  1. marcopete87

    buona idea, MA:
    1) chi si mette un filo addosso?
    2) saranno comode?
    3) usura
    4) costo
    5) voltaggi non universali.

  2. Niko

    nooooo…. troppo geniale! ci fosse gente così versatle qui in italia….

  3. YEah

    non siamo altrettanto convinti che l’elegante italiano sacrificherà l’estetica delle sue calzature pur di poter essere sempre reperibile e poi che dire della preoccupazione che tale soluzione potrebbe creare nel macho latino per quel cavetto elettrico che passerebbe troppo vicino alle sue parti nobili?

    eheheh

    e’ un grande ki ha scritto st’articolo

  4. fedcas

    mi sembra una cavolata, per come è strutturato non va a recuperare quell’energia che alcuni muscoli dissipano pur compiendo un lavoro negativo (e ce ne sono tanti, in pratica tutti quelli che hanno una azione frenante nei vari movimenti) ma semplicemente necessita di energia extra, in altre parole per tirare fuori 3w in questa maniera, considerando il basso rendimendo che per forza di cose avrà un sistema del genere (per via dei moti alternativi, dell’efficienza della turbina, delle turbolenze del liquido, del fatto che il moto della scarpa è complesso e non se ne possono sfruttare tutte le componenti ecc…) immagino che camminare con quei cosi sia davvero stancante… a quel punto tanto vale usare la classica dinamo a manovella almeno si ha un’efficienza decente

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati