I giochi attuali? Troppo violenti. Parola di Miyamoto

Videogame e Console     Autore: Alessandro Crea Aggiungi un commento

“Rispetto la libertà di espressione, ma sono preoccupato dal fatto che molti sviluppatori si stiano concentrando esclusivamente su un uso eccessivo della violenza, al fine di stimolare la mente della gente”.  Se a dirlo è Shigeru Miyamoto, leggendario creatore di molti giochi famosi e designer Nintendo allora effettivamente la cosa può avere un fondamento e merita di essere presa in considerazione ed approfondita.

Miyamoto è forse uno dei nomi più grandi nel panorama mondiale per quanto riguarda il game design. Pioniere di questo mondo sin dal 1977, è considerato il “padre” di giochi che hanno fatto la storia dei videogame, o almeno di certi generi specifici, come Donkey Kong, The Legend Of Zelda, Mario e Wii Sports. Nei giorni scorsi, intervistato dalla TV inglese Channel 4, si è appunto detto molto preoccupato di questa tendenza nei giochi attuali. “abbiamo bisogno di mangiare per vivere, quella è la nostra priorità” ha aggiunto, riferendosi alla necessità di sviluppare titoli in grado di realizzare vendite sostanziose sul mercato, “ma l’intrattenimento e l’arricchimento della nostra interiorità è necessario che venga subito dopo. La missione di Nintendo è di migliorare le tecnologie poco costose, avvantaggiandosene al fine di creare intrattenimento (a un prezzo, N.d.R.) ragionevole e sostenibile”. Miyamoto aggiunge di essere convinto dell’esistenza di altri metodi per ottenere l’attenzione dei giocatori oltre alla sola violenza. Certo sono affermazioni che, arrivando da un uomo che ha speso la propria vita professionale sviluppando giochi esclusivamente non violenti, non stupiscono più di tanto, tuttavia sono molti i suoi colleghi che, nel corso di questi ultimi anni, hanno rilasciato dichiarazioni simili e questo stupisce di più per due motivi, primo perché si è trattato spesso di sviluppatori di giochi non propriamente pacifici e privi di violenza e secondo perché se appunto tutti gli sviluppatori, compresi quelli di giochi diciamo così “violenti” si strappano le vesti e si slanciano contro la violenza nei videogame non si capisce più quali sarebbero i presunti titoli da criticare; immaginiamo infatti che non si tratti di critiche volte ai propri lavori.

Secondo tutti questi sviluppatori infatti i contenuti “maturi” dovrebbero essere sempre accompagnati da un significato forte, in grado di giustificarli in qualche modo e renderli comprensibili ed accettabili, seppure sempre non condivisibili. Si tratta effettivamente di una posizione di buon senso che nessuno si sognerebbe di contestare, il problema è che la maggior parte dei giochi esistenti, per quanto violenti, rientrano perfettamente in questa prospettiva, basti citare titoli vecchi e  nuovi come i due Max Payne, Mafia, ma anche Gears Of War, Crysis, Far Cry 2, Stalker etc. Se quindi il numero dei giochi criticati si riduce a un gruppetto di titoli sparuti nella massa di quelli accettabili, allora forse dobbiamo diventare cattivi e sospettare che, non sia tanto un accorato grido di allarme verso un preoccupante fenomeno sociale, quanto invece normalissime critiche velate, volte semplicemente a tirare l’acqua al proprio mulino, mettendo in cattiva luce tutto il resto. Non a caso infatti Nintendo è la portabandiera di un tipo di intrattenimento diametralmente opposto a quello più tipico, a base di combattimenti più o meno cruenti. Certo, anche sul PC è possibile giocare ad esempio titoli sportivi che di violento non hanno nulla, ma sicuramente i titoli Nintendo hanno una componente più “fanciullesca” nel design, nella palette dei colori, nelle animazioni etc… che propone un’immagine del mondo completamente differente, meno realistica e molto più ludica.

Approfondire il discorso col signor Miyamoto sarebbe quindi molto interessante, nel frattempo però eviterei di fare sociologia spicciola sull’incidenza della violenza dei media sulla vita reale e prenderei tutte queste dichiarazioni come semplici mosse di marketing.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati