Arriva la supercolla che farebbe invidia a Spiderman

Gadget e Hi-Tech     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Liming Dai afferma che questa è la più potente colla secca mai prodotta. All’università di Dayton l’hanno progettata seguendo la conformazione delle zampe del geco, il piccolo rettile in grado di arrampicarsi facilmente anche sulle superfici più impervie.

Il segreto della presa del geco sta tutto nelle microscopiche strutture (setae) che sfruttano le interazioni di Van der Waals per aderire a quasi qualsiasi superficie, anche estremamente liscia. In questo modo le setae, che arrivano a misurare fino a 0,2 micrometri, moltiplicano le deboli forze elettromagnetiche che si stabiliscono con la superficie, trasformando la zampa del geco in un sistema di fissaggio senza liquidi o gas, con la possibilità di aggancio semplicemente tramite una minima pressione.

La particolarità di questa soluzione è che è reversibile in qualsiasi momento, basta infatti variare l’angolazione delle setae per allentare la presa senza alcuno sforzo.

Dall’idea di madre natura gli scienziati di vari paesi hanno attinto per sviluppare nuovi collanti in grado di essere usati anche in condizioni estreme, assicurando allo stesso tempo una potenza di fissaggio mai vista prima. L’ultimo sistema basato su questo principio è quello proposto da Liming Dai: fino a 10 volte più potente della soluzione originale del geco e fino a 3 rispetto alle altre soluzioni analoghe già progettate.

Similmente a quanto avviene per le altre colle “a zampa di geco”, la struttura di questa colla è basata su nanotubi di carbonio, con la differenza che ad un lato vengono applicate minuscole catene in carbonio dalla forma arricciata per espandere la superficie di contatto e, conseguentemente, la potenza di fissaggio.

Praticamente i filamenti di carbonio vengono allineati alla superficie d’appoggio tramite una leggera pressione, risultando inamovibili come se fossero incollati. Una lieve variazione della loro angolazione però, permetterà di staccarli facilmente, pronti per essere utilizzati di nuovo.

Una superficie adesiva di un pollice quadrato sarebbe in grado di sorreggere una persona di 100 Kg in un arrampicata verticale. Le applicazioni pratiche però sarebbero molte e potrebbero spaziare dalla sostituzione delle saldature nei componenti elettrici all’utilizzo in situazioni limite come incollare materiali nello spazio.

 

 

Nell’immagine precedente: una bottiglietta di Coca Cola è sospesa ad una lastra di vetro verticale grazie ad una superficie incollante di appena 4 mm quadrati.

Da quando si vedranno le prime applicazioni pratiche su scala industriale a quando questa tecnologia potrà essere utilizzata anche al posto delle normali colle per il consumo di massa probabilmente passerà parecchio tempo. L’utilità di soluzioni come questa è fuori discussione per qualsiasi ambito in cui serva far aderire oggetti con sicurezza e praticità, certo che poterla utilizzare anche a casa non sarebbe male. Comunque c’è tutto il tempo per andarsi a comprare il costume da Spiderman o realizzarselo da se, così da essere pronti a scalare gli edifici del proprio paese non appena la “geco-colla” farà la sua comparsa nel negozio di fiducia.

Fantasia? Forse no. Come ha  affermato Zhong Lin Wang del Georgia Institute of Technology di Atlanta a proposito delle capacità dell’eroe dei fumetti: “Quello non è reale. Ciò che facciamo è reale”.

Fonte

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

2 Commenti

  1. francesco

    Peccato che quella bottigliettà è da 20cl :asd:

  2. R3cycl0r

    Muhauh…voglio il costume da spidermaaaan!!! :D :asd:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati