Asus presenta Eee Box, sarà un nuovo best-seller?

Gadget e Hi-Tech     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Asus finalmente ha svelato nuovi dettagli sul suo Eee Box, nuovo prodotto della serie “Easy to Learn, Easy to Work, Easy to Play” dedicato al mercato dei mini-PC.



Ormai prossimo ad essere commercializzato, l’Eee Box punta ad ottenere il successo che Asus è riuscita a raggiungere con l’Eee PC, correggendo però il tiro proponendo un computer tuttofare di dimensioni contenute che non è necessariamente portatile ma è destinato agli ambienti desktop.

Oltre alle caratteristiche che già erano state divulgate, come il processore Intel Atom N270 da 1,6 GHz, 1 GB di RAM DDR2 (aggiornabile a 2 GB), hard disk da 80 GB ed un card reader SD/MMC, il nuovo nato della famiglia Eee sarà dotato anche di connessione wireless tramite 802.11a/b/g/n e cablata via porta Gigabit Ethernet RJ45.

Come altri modelli simili non disporrà di drive ottico e utilizzerà un classico sistema di storage interno invece che il ben più costoso SSD. In particolare l’hard disk sarà disponibile in tagli da 80 o 160 GB da 5400 rpm.

Il chipset, cuore di questo sistema, sarà l’Intel 945GSE abbinato al southbridge ICH7M, con grafica integrata GMA 950.

Per quanto riguarda il parco di connessioni I/O, troveremo due porte USB 2.0, un’uscita DVI, una audio S/PDIF, prese per cuffie e microfono, concludendo con un ingresso per antenna WiFi.
Il sistema operativo installato sarà Windows XP, ma sarà disponibile in breve tempo una versione dotata di SO Linux. Purtroppo non uscirà subito assieme alla versione con SO Microsoft (maggiorata di 30 € per via della licenza), quindi chi desidera un sistema open source sarà costretto ad aspettare un tempo non ancora specificato. Il sistema Linux è comunque presente, seppur in minima parte, su tutti i modelli Eee Box grazie alla già conosciuta tecnologia Express Gate: una sorta di mini SO (Linux Splashtop) integrato nella motherboard che permette di avviare il PC in circa 7 secondi e sfruttarlo per le funzioni principali di base come navigare in Internet, gestire i propri file o creare documenti.

Per il sistema di raffreddamento, Asus ha annunciato che l’ Eee Box sarà dotato di ventola termoregolata automaticamente in grado di mantenere la propria rumorosità al di sotto dei 26 db, non proprio silenziosissima ma comunque neanche esageratamente rumorosa.

L’alimentazione è tuttora coperta da un alone di mistero, dal comunicato emerge però il fatto che questo sistema dovrebbe consumare circa il 90% in meno di un normale PC desktop, dato piuttosto vago ma per il momento è tutto ciò che Asus ha fatto sapere in tal senso.

I materiali saranno conformi alle specifiche RoHS e WEEE, essendo totalmente eco-compatibili.

Il design sembra interessante sebbene la caratteristica forse più innovativa ed utile dell’Eee Box sia il fatto che sarà possibile montarlo dietro un comune LCD tramite il classico attacco VESA utilizzato di solito per montare il pannello a parete. In questo modo l’Eee Box diventa praticamente invisibile all’utente, trasformando la postazione in una sorta di Panel PC, dove l’unico componente a vista è il display.

Non c’è che dire, anche stavolta Asus promette di fare un grosso colpo di mercato grazie al suo nuovo prodotto, magari non innovativo quanto ci si sarebbe aspettato come era stato invece l’Eee PC, ma sicuramente in grado di attirare l’attenzione e la curiosità di molti utenti di solito molto distanti dal mondo dei PC desktop.

La data di commercializzazione è ancora non ben definita, si parla di fine estate, almeno per il mercato asiatico e per quello americano. Come al solito l’Italia dovrà aspettare, ma dovrebbe essere plausibile una sua comparsa sul mercato nostrano entro il periodo natalizio.

Anche sui prezzi Asus non si sbilancia, ma ci si aspetta un costo di circa 299$ negli USA, traducibile quindi in circa 250€ previsti per quando sbarcherà anche in Italia.

Ce la farà Asus ad eguagliare il successo del precedente Eee PC anche stavolta o pagherà il fatto di non essere uscita per prima in questo frangente dove la concorrenza sembra ormai già molto agguerrita? Vedremo come si comporterà l’Eee Box sul mercato tra qualche mese, di certo risulterà un prodotto interessante per via dell’hype suscitato dal marchio Eee, chissà però se questo basterà per renderlo un must per l’utenza interessata ai nuovi Mini-Pc Atom based.

di Federico Piccirilli

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati