L’invasione degli schermi giganteschi colpisce anche Pechino

Monitor e Tecnologie Video     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

L’ennesimo progetto tecnologico di proporzioni faraoniche è stato realizzato a Pechino per collegare due edifici del centro commerciale The Place, si tratta di un megaschermo sospeso in aria, largo 30 metri e lungo ben 250!



Il costo totale dell’installazione è altrettanto fuori misura, parliamo infatti di 32 milioni di dollari.
Lo schermo, sospeso grazie a dei pilastri, è visibile dal basso mentre ci si passeggia al di sotto come fosse una normale tettoia, ma il termine normale non si addice di certo a questo progetto: grande 7500 mq, interamente illuminato da LED, visualizza una sorta di acquario virtuale formato da pesci delle dimensioni di un’utilitaria.

L’opera è stata ideata dal designer Jeremy Railton, presidente della Entertainment Design Corporation, ed ha impiegato 3 anni di lavoro per essere realizzata, i display sono stati forniti da Opto Tech, compagnia taiwanese specializzata nella produzione di schermi a LED.

La struttura è stata realizzata a griglia aperta in modo da essere retroilluminata naturalmente dalla luce solare durante il giorno ed ogni monitor è in grado di funzionare autonomamente o assieme agli altri per formare immagini multiple.

Le immagini sono in continuo movimento e a parte scorci di vita marina, possono essere visualizzati film, animazioni, pubblicità, videogames e anche foto uploadate dai visitatori stessi.

Fonte: Gizmodo

di Federico Piccirilli

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:
  • Nessun articolo correlato

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati