Da Brother, occhiali a proiezione retinica, benvenuti nell’Augmented Reality

Gadget e Hi-Tech     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Era già stato presentato il prototipo all’Aichi Expo (Exposition of Global Harmony) del 2005, aveva suscitato molto scalpore ma i tempi sembravano lunghi prima di poter vedere effettivamente un modello pronto per il commercio.

A dispetto delle aspettative Brother ha invece realizzato il modello finale che potrebbe essere commercializzato già nel 2010.



Di occhiali per visualizzare contenuti video se ne erano già visti, cos’ha questo modello di diverso?
La novità è che in questa soluzione non vengono usati i due schermi per visualizzare un’immagine davanti ai nostri occhi, qui lo schermo sono proprio i nostri occhi. Grazie ad un proiettore montato sugli occhiali infatti, l’immagine viene mandata direttamente sulla retina dell’utente.
La differenza sostanziale con le tecnologie usate fino ad oggi è che con la proiezione retinica, l’immagine comparirà letteralmente sovrapposta a quelle provenienti dal mondo reale, in questo modo non viene ostacolata la normale visione, dato che il contenuto proiettato sarà un livello semitrasparente davanti a quello che vedremmo normalmente.
Per garantire sempre un’immagine stabile e precisa, gli occhiali sono dotati anche di uno scanner che illumina la retina registrandone le variazioni e adattando di conseguenza il proiettore.

Se poi si aggiunge che il peso del mini proiettore montato sugli occhiali è di soli 25 g, enormemente minore a quanto era stato visto sul primo prototipo che non era esattamente quello che si può definire comodo, e alla dichiarazione di Brother che nel modello finale in questo peso rientrerà anche il modulo dello scanner, è facile comprendere come il progetto sia seguito con grande interesse, in quanto garantirebbe per la prima volta la possibilità di poter fruire veramente di un sistema di Augmented Reality portatile e comodo.

I vantaggi di questo sistema sono facilmente intuibili, si potrebbe proiettare direttamente sull’occhio, e quindi invisibile da chiunque altro, qualsiasi tipo d’informazione e magari, con l’aggiunta di una videocamera si potrebbe anche rendere il contenuto proiettato in dipendenza dell’ambiente circostante. Immaginiamo ad esempio di incontrare una persona e immediatamente avere sovraimpressi alla sua immagine tutti i suoi dati, o di vedere un oggetto al supermercato e saperne subito le caratteristiche e il prezzo.

Le applicazioni pratiche di un oggetto del genere sono quindi molteplici, c’è da aspettare ancora qualche anno però, sperando che in quest’arco di tempo Brother riesca a rendere, se possibile, ancora più interessante questo prodotto che certamente in molti sono impazienti di provare.

Fonte: FarEastGizmos

di Federico Piccirilli

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:
  • Nessun articolo correlato

Un commento

  1. eleonora

    volevo semplicemente un\’informazione commerciale…quanto potranno costare???

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati