Anche il video HD si fa wireless, mai più cavi?

Monitor e Tecnologie Video     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Se ne era già parlato ma sembrava un progetto allo stadio iniziale senza nulla di concreto, invece Sharp ha annunciato l’introduzione dell’interfaccia WHDI (Wireless High Definition Interface) di Amimon sulla prossima versione dei suoi display serie X.



Lo standard WHDI non è altro che una tecnologia in grado di trasferire un segnale video fino a 1080p senza l’uso di cavi per una connessione fisica. Con un range di oltre 30 m e la capacità di attraversare anche 5 muri, una sola sorgente WHDI può tranquillamente bastare per un appartamento di medie dimensioni. La latenza del segnale è inferiore a 1 ms, siamo quindi forse pronti per abbandonare definitivamente i cavi AV digitali? Forse si, dato che la qualità del segnale pare essere indistinguibile da quello fornito tramite cablaggio HDMI, in una sola parola: eccellente.

Il costo della sola interfaccia sarà di circa 800 $, da aggiungere a quello già non indifferente della top line di Sharp, considerando però che anche Sony, Sanyo e Belkin sono pronte a sfornare nuovi modelli dotati di WHDI, non ci vorrà molto a far scendere i prezzi a livelli più accettabili.

Il lancio della nuova serie X di Sharp è imminente in Giappone a cui seguiranno a ruota gli Stati Uniti, come al solito in Europa si dovrà aspettare qualche mese in più, ma se i dati sulla carta sono reali, ne sarà comunque valsa la pena.
Previsti tre modelli da 37″, 42″ e 46”, di soli 3,44 cm di spessore, la serie X sarà caratterizzata dal distaccamento fisico tra tuner e display vero e proprio, con la possibilità di collegarli tramite cablaggio classico o attraverso la nuova interfaccia WHDI.

Forse siamo davvero vicini alla fine di un’era, il video senza fili finalmente è arrivato e la qualità supera le aspettative. Grazie al WHDI sarà possibile visualizzare qualsiasi sorgente presente in casa, da un lettore Blu-ray ad un Media Center, su di un display indipendentemente dalla loro vicinanza fisica e senza alcuna differenza apprezzabile rispetto all’utilizzo di cablaggi.

Rimane quindi da aspettare ancora qualche settimana per vedere come si comporteranno su strada i primi modelli e per vedere la reazione degli altri produttori, certo che, se questo standard riuscirà ad affermarsi come è probabile, probabilmente si assisterà davvero alla scomparsa, seppur parziale, delle selve di cavi che ricoprono i nostri appartamenti. Certo rimarrà sempre quello per l’alimentazione… ma questa è un’altra storia…

Fonte: Dvice

di Federico Piccirilli

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:
  • Nessun articolo correlato

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati