DNA PC: i personal computer come li conosciamo stanno per sparire?

Gadget e Hi-Tech     Autore: Ivan Schinella Aggiungi un commento

Forse questo è il futuro che ci aspetta per quanto riguarda i pc e, a ben vedere, sembra molto interessante.
DNA PC è un progetto che rivoluzione drasticamente il mondo dei pc domestici. L’idea parte basandosi sul DNA degli esseri viventi, basato su componenti di base uguali ma differente per ogni individuo.

Da qui prende il via il progetto DNA PC, un’architettura modulare, assemblabile secondo le esigenze di ciascun utente… in un modo molto particolare.
Fondamentalmente si tratta di costruire un pc assemblando cubi di vari colori, ognuno con la sua funzione specifica, connessi tra loro tramite connessione senza fili.

Basta mettere i cubi nella disposizione che si vuole ed il pc è pronto, se poi si ha la necessità di aumentare le prestazioni in qualche campo, basta aggiungere un altro cubo. Basta quindi con cacciaviti e schede da montare nel case: si compra un cubo, si mette a casa dove si vuole, fine.
Il cuore del sistema è composto da 4 cubi: un proiettore (non viene usato un monitor), una tastiera srotolabile, un alimentatore ed il modulo base che fa da interconnessione e ospita il cuore del sistema.

Vi serve più memoria? Aggiungete un cubo! Volete più potenza? Aggiungete un altro cubo!
E’ veramente molto facile per chiunque assemblarsi un pc.

Il cubo può essere personalizzato con colori, adesivi o disegni, seguendo la filosofia dei moduli uguali per tutti ma “differenti” per ciascuno. Inoltre tutti sono costruiti con materiali riciclabili e a basso impatto ambientale.
Ogni componente poi, misura solo 6 x 6 x 6 cm, l’ingombro è veramente minimo, senza contare che non devono essere per forza vicini l’un l’altro.

Esaminando nello specifico i moduli di base troviamo:

- Il proiettore di 4 x 3 x 1,5 cm integrato nel cubo insieme a 3 laser RGB e a lenti orientabili capaci di proiettare l’immagine con angolazioni differenti.

- La tastiera ripiegabile ma anche utilizzabile in modalità tavoletta grafica a cubo chiuso.

- L’alimentatore che funziona come un pannello fotovoltaico oppure con le normali connessioni elettriche.

- E infine il cubo principale contenente il processore a bassa potenza, in modo da avere sempre limitate emissioni di calore nonché acustiche, la scheda video, il sistema di raffreddamento, la memoria RAM e quella flash.

Tutto comunque è aggiornabile senza problemi… basta aggiungere più cubi!

Che dire… io non vedo l’ora di poterlo provare… e voi?

Fonte: Techpin

di Federico Piccirilli

Condividi su:
  • Segnalo
  • Wikio IT
  • Google Bookmarks
  • Live
  • Facebook
  • MySpace
  • LinkedIn
  • Technorati
  • Digg
  • del.icio.us
  • Print this article!
  • E-mail this story to a friend!
Articoli correlati:
  • Nessun articolo correlato

Lascia un commento

*
To prove you're a person (not a spam script), type the security word shown in the picture. Click on the picture to hear an audio file of the word.
Click to hear an audio file of the anti-spam word

Tema & Icone by N.Design Studio – modificato da Terry Labunda
Entries RSS Comments RSS Collegati